DA PADOVA: RICORDO DI DON DINO BREGGION

Morte di don Dino Breggion. Assicuriamo la preghiera di suffragio e l’impegno a seguire la sua testimonianza. 

Don Dino Breggion

Don Dino Breggion si è congedato serenamente da questa vita nel primo pomeriggio di domenica 15 ottobre all’Opera della Provvidenza Sant’Antonio. Aveva partecipato alla concelebrazione domenicale dell’Eucaristia, aveva pranzato con gli altri confratelli ospiti della casa, poi un breve malore, l’arrivo del medico che ha fatto appena in tempo a cogliere una sua parola di congedo. Don Dino era arrivato all’Opera della Provvidenza nel maggio del 2016, quando le sue condizioni avevano richiesto un’assistenza qualificata. Ha trascorso un anno in compagnia con l’ossigeno, ma con lucidità e serenità. Gli ultimi anni della permanenza a Piove di Sacco erano stati segnati da un progressivo ridursi delle sue energie, ma era sempre rimasto in casa, assistito dalla fedele Luigina, che aveva cominciato ad aiutarlo in canonica ancora a Cervarese Santa Croce, quando don Dino aveva con sè i genitori. Da allora l’aveva sempre seguito ed aiutato in canonica e nella pastorale.

Don Dino era nato ad Agna nel 1930, compiuti gli studi seminaristici era stato ordinato prete nel 1955 dal vescovo Girolamo Bortignon. Il ministero di don Dino si distribuisce in una scansione potremmo dire ideale: quattro tappe, due da cooperatore, due da parroco. A Salboro, accanto a don Placido Ponchia, resta cooperatore per nove anni. Nel 1964 continua lo stesso compito a Bovolenta con don Giulio Babolin.
Nel 1969 il vescovo lo chiama a reggere la parrocchia di Cervarese Santa Croce. Don Dino si trova ad accogliere l’eredità pastorale di un prete straordinario come don Angelo Berto e ad avviare la parrocchia sulle strade segnate dal Concilio Vaticano Secondo. Egli assicura continuità ed avvia il rinnovamento, rinvigorendo i gruppi giovanili, curando la catechesi e la liturgia, favorendo la spiritualità con la proposta delle missioni al popolo e di pellegrinaggi mariani. Ebbe cura di promuovere vocazioni al sacerdozio e ne conobbe i frutti. Con l’aiuto dei fedeli realizzò il restauro della vecchia canonica, del campanile e l’impegnativo completamento della nuova chiesa, che fu consacrata dal vescovo Girolamo il 14 settembre 1979. Don Dino era appassionato per la musica classica e liturgica. Si è perciò interessato a restaurare l’organo, a costituito la corale parrocchiale ed ha promosso concerti d’organo e polifonici.
Con grande rincrescimento della popolazione nel 1984 il vescovo Filippo Franceschi trasferì don Dino nella parrocchia di Santa Margherita d’Adige. Arricchito dalla precedente esperienza si inserì con subito nella nuova comunità, continuando lo stile di tenere la canonica sempre aperta, facendola sentire casa di tutti. Ha voluto poi ampliare questo luogo d’incontro avviando il centro parrocchiale. Visitava tutti i giorni la scuola materna parrocchiale, perché diceva di ricevere dai bambini gioia e consolazione. Trovava il tempo per visitare gli ammalati, in cui affermava di trovare luminosi esempi di fede e di pazienza. In ogni progetto ha favorito la comunione fraterna nel rispetto reciproco. La testimonianza offerta dai fedeli di Santa Margherita:” E’ stato per noi papà, fratello, amico, nonno, confidente: ascoltava tutti ed era un punto di riferimento anche per chi non frequentava la chiesa.”
Nel 2007, dopo ventitré anni, si è ritirato a Piove di Sacco, svolgendo il ministero di confessore finché la salute glielo permise.
Nella sua stanza all’Opera della Provvidenza era stata portata una delle foto di montagna che erano appese nella sua canonica. Erano la memoria delle indimenticabili esperienze compiute anche con i giovani di Cervarese sulle vette dolomitiche e in Val d’Aosta. “Quando arrivo alla vetta, tocco Dio…”. Ora don Dino ha scalato l’ultima montagna e, crediamo, ha incontrato il Signore faccia a faccia.

La celebrazione eucaristica di ringraziamento, di suffragio, di commiato sarà celebrata nella chiesa arcipretale di Piove di Sacco venerdì 20 ottobre alle ore 10, presieduta dal vescovo Claudio. Secondo il suo desiderio la salma sarà sepolta nel cimitero di Piove di Sacco, accanto ai confratelli preti.

Ultim’ora

10 dicembre 2017

MADONNA DI LORETO

Messa conclusiva del Convegno nazionale UAC il 29 novembre scorso a Loreto

E’ ancora viva in noi l’esperienza del Convegno nazionale UAC vissuta a Loreto. In questo giorno rivolgiamo ancora la nostra preghiera alla Vergine di Loreto affinché protegga l’UAC nella sua testimonianza di servizio al Clero italiano. (nella foto la celebrazione finale nella Cappella inferiore di Loreto presieduta dal nuovo arcivescovo prelato di Loreto e delegato pontificio per il Santuario Lauretano S. E. Mons. Fabio Dal Cin, insieme a S. E. Mons. Antonio Staglianò e a S. E. Mons. Luigi Mansi, Presidente dell’UAC).

 

1 novembre 2017

CONVEGNO NAZIONALE UAC A LORETO

I direttori diocesani e i soci che desiderano partecipare al prossimo Convegno nazionale UAC che si terrà a Loreto dal 27 al 29 novembre prossimo (trovate le notizie tecniche nella pagina centrale) sono pregati di inviare la propria adesione quanto prima o per posta scrivendo a Unione Apostolica del Clero, via T. Valfrè, 11 – 00165 ROMA RM o per via E-mail. 

Santuario di Loreto

Il Convegno è un momento importante in vista anche di un rilancio dell’associazione  in modo da coinvolgere altri Ministri ordinati che credono nel progetto dell’UAC per i prossimi anni in favore del clero italiano.

 

 

 

 

 

 

 

26-27 settembre 2017
Consiglio nazionale UAC a Parma

Il Consiglio insieme ai Seminaristi di Parma dopo la concelebrazione nella cappella del Seminario – 26 settembre 2017.

Il Presidente, insieme a don Stefano Rosati che ci ospita, taglia la torta commemorativa dell’UAC. Grazie per la dolce accoglienza.

Il Consiglio nazionale UAC si è riunito il 26 – 27 settembre 2017 nel Seminario Maggiore e nella Badia di Torrechiara a Parma.
Presenti: S.E. Mons. Luigi Mansi, don Nino Carta, diac. Mauro Tommasi, don Franco Borsari, don Gian Paolo Cassano, don Stefano Rosati, don Ninè Valdini, don Massimo Goni, don Clemente Petrillo, don Luigino Scarponi, don Albino Sanna.
Adesioni 2017. Il Consiglio esamina la situazione delle adesioni e prende atto che vi è una continuità e una stabilità. Vi è anche un interesse da parte dei preti giovani.
Assemblea internazionale UAC. L’Assemblea si terrà dal 13 al 17 novembre prossimo e, essendo il Presidente nazionale impossibilitato a prenderne parte delega don Stefano Rosati a rappresentarlo, sarà presente anche qualche altro componente del Consiglio nazionale.
Convegno nazionale del 27 – 29 novembre. Si definisce in dettaglio tutto il programma.
Lavori di ristrutturazione della Sede nazionale. Si prendono in esame anche due preventivi per i lavori di ristrutturazione nella Sede nazionale e si decide di affidare a un tecnico di fiducia che esamini i preventivi, veda la Sede, indichi i lavori urgenti da fare. Oltre che dare il proprio parere è opportuno che segua i lavori nei dettagli e abbia i contatti con l’impresa.
Notiziario UAC. Il n. 3 luglio-settembre 2017 viene imbastito nei dettagli e si spera che possa essere pronto per la fine di ottobre.
Questionario UAC 2017.  Fino a questo momento sono arrivate una ventina di risposte da parte degli iscritti e dei Direttori diocesani. Si invitano quindi i Direttori diocesani che si facciano tramite per sollecitare la risposta al Questionario 2017 entro il 30 ottobre prossimo inviando le risposte scritte alla segreteria nazionale. Queste risposte saranno esaminate e sintetizzate da un Consigliere nazionale e quindi saranno oggetto dei Cenacoli che faremo nel pomeriggio del 28 novembre a Loreto durante il prossimo Convegno.

Un grazie sentito a don Stefano Rosati, ai Superiori e ai Seminaristi di Parma per la squisita accoglienza e la fraterna condivisione, insieme a tutto il personale religioso e laico compresi quelli della Badia di Torrechiara.

Il prossimo Consiglio si terrà il 27 novembre alle ore 12,00 a Loreto.
Il Segretario
Don Albino Sanna

 

8 settembre 2017

CONSIGLIO NAZIONALE UAC

Il 26 e il 27 settembre prossimi, si terrà il Consiglio nazionale UAC al quale oltre i Consiglieri partecipano anche i Responsabili regionali.

Tra gli altri argomenti si tratterà e si definirà nei dettagli il prossimo Convegno nazionale, al quale sono invitati tutti i soci a iniziare dai Direttori diocesani, che si terrà il 27-29 novembre 2017 a Loreto, ospiti della Casa del Pellegrino nella piazza del Santuario. Le iscrizioni sono aperte inviando il proprio nominativo alla segreteria UAC via T. Valfrè 11 – 00165 ROMA RM o per E-mail (preferibilmente) o per posta ordinaria. 

Nel mese di ottobre chiuderanno le adesioni UAC del 2017. Coloro che ancora non avessero rinnovato l’adesione sono pregati di inviare la loro adesione tramite ccp 47453006 intestato a Unione Apostolica del Clero, via T. Valfrè 11 – 00165 ROMA RM. Grazie!

Unione Apostolica del Clero

 

8 agosto 2017

Ci ha lasciati per entrare nella Casa del Padre don Giuseppe BRUNI, direttore diocesano dell’UAC di Arezzo. Preghiamo per lui e siamo riconoscenti per quanto ha donato nella sua vita presbiterale e per il generoso servizio all’UAC.

2 luglio 2017

BUONE VACANZE

 E BUONA LETTURA

DI “LIEVITO DI FRATERNITA”

 


Questo volume è il frutto di un lavoro collegiale, che tra il 2014 e il 2016 ha coinvolto i Pastori delle Chiese che sono in Italia attorno al tema del Rinnovamento del clero a partire dalla formazione permanente. Si tratta di un agile strumento pastorale con proposte qualificate e percorsi di comunione necessari a realizzarle, spunti per continuare il confronto, il discernimento e l’elaborazione di processi di riforma. Tra i titoli: primato della dimensione comunitaria, diocesanità e carità pastorale, fraternità presbiterale, cura della vita interiore, sequela, responsabilità amministrative ed economiche, gioia evangelizzatrice e prima formazione.

 

 

 

 

Letture Consigliate

– Lettera del Presidente d. Luigi Mansi ai Direttori diocesani, nella pagine del Presidente

– Il saluto del nuovo presidente UAC d. Luigi Mansi, nella pagina centrale

– La relazione del triennio di d. Vittorio Peri, nella pagina centrale

Il presbiterio di d. Vittorio Peri, in “Riflessioni ed esperienze“.

Vivere insieme: un sogno o un’opportunità di d. Massimo Goni, in “Dialogare per crescere“.

Quanto è buono e dolce che i fratelli vivano insieme di d. Giancarlo Lanforti, in “Dialogare per crescere

Riflessioni ed Esperienze