ASSEMBLEA NAZIONALE UAC ELETTIVA

Logo-login

Unione Apostolica del Clero – Federazione italiana

Ai Direttori diocesani UAC

p.c. al Consiglio nazionale

       ai Responsabili regionali

       ai membri del Centro Studi

Carissimi,

quest’anno 2016 vivremo l’esperienza dell’Assemblea nazionale elettiva. Possono partecipare con diritto di voto i membri della Presidenza nazionale, i membri del Consiglio nazionale, i Responsabili regionali, i membri del Centro Studi e tutti i Direttori diocesani nel cui circolo vi sono almeno 5 iscritti. E’ naturalmente necessario che gli aventi diritto al voto abbiamo fatto l’adesione all’UAC nel 2016.

L’Assemblea elettiva si terrà il 21-23 novembre 2016 nella Casa del Carmelo a Sassone-Ciampino. L’Istituto si po’ raggiungere facilmente con treno da Termini per Albano laziale e scendere nella stazione di Sassone. L’Istituto si trova proprio a ridosso della stessa nazione girando a destra per circa 5° metri.

Il tema di riflessione dell’Assemblea è il seguente: <<Pastori di una Chiesa “per” il mondo>>. Questo tema verrà trattato nella prima giornata. Mentre la seconda giornata sarà dedicata alle elezioni del Presidente, dei Vice Presidenti per area geografica e dei Consiglieri nazionali.

All’Assemblea nazionale possono partecipare tutti gli aderenti all’UAC e gli amici.

E’ bene formalizzare subito la propria partecipazione comunicando o via E-mail: ti.ni1500640882t@ti.1500640882cau1500640882 oppure scrivendo una lettera a: Unione Apostolica del Clero, via T. Valfrè 11 – 00165 ROMA RM.

Attendiamo fiduciosi una numerosa partecipazione.

La segreteria nazionale

SOLIDALI NELLA PREGHIERA CON LE DIOCESI DI TRANI E DI ANDRIA

Cattedrale e piazza di Andria

Cattedrale e piazza di Andria

Tutta l’UAC italiana si unisce nella preghiera per il gravissimo incidente ferroviario, insieme alle Chiese e ai loro vescovi di Trani e di Andria. Un particolare pensiero al nostro Presidente S. E. Mons. Luigi Mansi, vescovo di Andria, al quale esprimiamo la nostra solidarietà e vicinanza. Assicuriamo la preghiera di suffragio per le vittime. Ci uniamo al dolore dei familiari e auspichiamo una pronta guarigione ai feriti. Facciamo nostre le parole di Papa Francesco: “Appresa la notizia del grave incidente ferroviario avvenuto sulla linea Corato-Andria, nel quale hanno perso la vita numerose persone, Sua Santità Papa Francesco esprime la sua sentita e cordiale partecipazione al dolore che colpisce tante famiglie. Egli assicura fervide preghiere di suffragio per quanti sono tragicamente morti e, mentre in voca dal Signore per i feriti una pronta guarigione, affida alla materna protezione della Vergine Maria quanti sono colpiti dal drammatico lutto ed invia la confortatrice benedizione apostolica”.

RIFLESSIONE DI DON GIANCARLO LANFORTI – FIRENZE

SO CHE L’AMORE E’ TUTTO

 

FIRENZE

 

Grazie Albino. Approfitto anch’io per inviare a tutti un fraterno saluto. Invece delle meritate vacanze, sono impegnato nel trasloco e nei lavori di ristrutturazione per la nuova destinazione. Sono stato inviato parroco in un’altra parrocchia fiorentina. E, ovviamente, aumenteranno lavoro e responsabilità…Vi domando una preghiera per questa fase di abbandono (20 anni al Galluzzo non sono pochi) e di incontro con una bella, ma sconosciuta, comunità di 10.000 abitanti. In questi giorni un po’ difficili mi sono tornate utili le parole del Papa che ho rielaborato e che desidero condividere con voi.
Mi sento anch’io come Mosè, uno che si è avvicinato al fuoco e ha lasciato che le fiamme bruciassero le sue ambizioni. Mi sento scalzo rispetto a una terra che mi ostino a credere e considerare santa. Ho imparato a non scandalizzami per le fragilità che scuotono l’animo umano: consapevole di essere io stesso un paralitico guarito.

Con l’olio della speranza e della consolazione, desidero farmi prossimo di ognuno, attento a condividerne soprattutto  l’abbandono e la sofferenza. Avendo accettato di non disporre di me stesso, consegno al Signore il tempo che Egli ci affida da vivere.

So che l’Amore è tutto. E’ il segreto di ogni prete. L’amore è il segreto di ogni comunità parrocchiale, diocesana e della Chiesa intera.

L’amore è quel roveto ardente che ci marchia a fuoco l’esistenza, la conquista e la conforma a quella di Gesù Cristo, verità definitiva della nostra vita. È il rapporto con Lui a custodirlo. Sarà l’amicizia con il  Signore a portarci ad abbracciare la realtà quotidiana con la fiducia di chi crede che l’impossibilità dell’uomo non rimane tale per Dio. Tutto è possibile a Lui.

Sempre  usando le parole di papa Francesco mi sento di dire: “ il presbitero è tale nella misura in cui si sente partecipe della Chiesa, di una comunità concreta di cui condivide il cammino. Il popolo fedele di Dio rimane il grembo da cui egli è tratto, la famiglia in cui è coinvolto, la casa a cui è inviato. Questa comune appartenenza, che sgorga dal Battesimo, è il respiro che libera da un’autoreferenzialità che isola e imprigiona: «Quando il tuo battello comincerà a mettere radici nell’immobilità del molo – richiamava Dom Hélder Câmara – prendi il largo!». Parti! E, innanzitutto, non perché hai una missione da compiere, ma perché strutturalmente sei  un missionario: nell’incontro con Gesù hai sperimentato la pienezza di vita e, perciò, desideri con tutto te stesso che altri si riconoscano in Lui e possano custodire la sua amicizia, nutrirsi della sua parola e celebrarLo nella comunità.

Colui che vive per il Vangelo, entra così in una condivisione virtuosa: il pastore è convertito e confermato dalla fede semplice del popolo santo di Dio, con il quale opera e nel cui cuore vive. Questa appartenenza è il sale della vita del presbitero; fa sì che il suo tratto distintivo sia la comunione, vissuta con i laici in rapporti che sanno valorizzare la partecipazione di ciascuno. In questo tempo povero di amicizia sociale, il nostro primo compito è quello di costruire comunità; l’attitudine alla relazione è, quindi, un criterio decisivo di discernimento vocazionale.” 
Un caro saluto a tutti voi.

                                                                                                                                                                                                                          don Giancarlo

UAC Notizie – Numero 2/2016

In questo numero:

 

Pag. 1 – EDITORIALE
S. E. Mons. Luigi Mansi

Pag. 3 – LETTERA DEL PRESIDENTE
S. E. Mons. Luigi Mansi

Pag. 5 – IDENTIKIT DEL PRESBITERO
Don Albino Sanna

Pag. 7 – GIUBILEO DEI SACERDOTI E DEI SEMINARISTI
Don Albino Sanna

Pag. 11 – LO STUDIO (1)
Spiritualità ecclesiale/diocesana
Don Vittorio Peri

Pag. 20 – LO STUDIO (2)
Il Ministro Ordinato…penitente.
Don Ninè Valdini

Pag. 23 – VITA ASSOCIATIVA

 

E’ possibile leggere questo numero della rivista cliccando sull’immagine di copertina oppure scaricarlo sul proprio computer cliccando sul pulsante “Download” qui in basso.

 

Scarica il numero 2/2016 della nostra rivista in PDF.

Mons. Alberto D’Urso nuovo Presidente nazionale Consulta Antiusura

Mons. Alberto D'Urso

Mons. Alberto D’Urso

Mons. Alberto D’Urso della diocesi di Bari, Direttore dell’Oasi S. Maria di Cassano Murge, Consigliere nazionale e Responsabile regionale della Puglia dell’UAC, è stato eletto dall’Assemblea della Consulta nazionale Antiusura, che rappresenta tutte le Fondazioni Antiusura d’Italia, come nuovo Presidente nazionale della stessa Consulta e sostituisce il P. Massimo Rastrelli S.J. che ha lasciato per ragioni di età e di salute. Fino a qualche giorno fa’ don Alberto D’Urso era vice-presidente della stessa Consulta.

La Consulta Nazionale Antiusura Onlus (Organizzazione non lucrativa di utilità sociale) è una associazione volontaria di Fondazioni e Associazioni antiusura (Regionali, Provinciali o Comunali) che si costituisce secondo esplicita motivazione cristiana nell’ambito di una azione di promozione umana della Chiesa Cattolica Italiana e delle direttive della C.E.I.
La Consulta, che si ispira statuariamente al principio della solidarietà cristiana, si propone di animare in forma organica nell’ambito delle diocesi italiane un’attività sociale e pastorale legata alla problematica dell’usura e dell’indebitamento delle famiglie, di suscitare il volontariato e l’associazionismo indirizzandolo alla costituzione di associazioni e/o Fondazioni antiusura laddove mancano, e di costituire una rete operativa che sia capace di rilevare e comprendere il problema e contrastarlo. Per raggiungere tale scopo, promuove presso tutte le Fondazioni che si riconoscono in essa un orientamento comune per un lavoro coerente e una rappresentatività nei confronti delle Istituzioni Civili ed Ecclesiali, dei mass-media e delle diverse realtà, emanazioni o non delle istituzioni centrali e locali, che si occupano di questa diffusa piaga sociale.

Tutti i presidenti delle varie fondazioni si riuniscono in una Consulta Nazionale che è l’organo che rappresenta tutte le fondazioni antiusura d’Italia e per questo si interfaccia con le realtà bancarie, politiche e di governo.

Ci congratuliamo con Mons. Alberto per questa nomina che conferma la sua dedizione, da molti anni, su questa realtà, dedizione che ha sempre esercitato con impegno, competenza e soprattutto generosità. Auguri e buon lavoro.

REGIONE PIEMONTE

CONVEGNO REGIONALE PIEMONTE

24 maggio 2016

I partecipanti al Convegno regionale del Piemonte

I partecipanti al Convegno regionale del Piemonte

SACRA SAN MICHELE – (gpc) E’ un’esperienza semplice di amicizia e di fraternità sacerdotale, quella che si rinnova anno dopo anno con la proposta dell’UAC (Unione Apostolica del Clero) regionale che martedì scorso 24 maggio ha realizzato con la 10° Giornata di amicizia e spiritualità – convegno regionale che si è tenuta presso la Sacra di san Michele.

Amabilmente accolti dalla Comunità dei Padri Rosminiani che custodiscono la Sacra (simbolo del  Piemonte) e dal Vescovo di Susa mons. Alfonso Badini Confalonieri (diocesi in cui si trova la Sacra), ha visto una rappresentanza qualificata di ministri ordinati provenienti dalle diocesi di  Aosta, Casale Monferrato, Fossano, Vercelli, Torino.

Il Vescovo ha centrato la sua riflessione  sulla misericordia in relazione alla vita del sacerdote, nella specifica realtà di questo anno giubilare evidenziando nelle opere di misericordia  l’azione dello Spirito Santo che ci fa simili a Gesù. Dopo aver invitato ad essere grati al Signore che ha fatti suoi ministri, ha ricordato (citando l’Evangelii Gaudium) due pericoli di allontanamento dalla fede, che pur risalendo ai primi secoli della Chiesa, sono rintracciabili anche oggi, quelli del pelagianesimo e  dello gnosticismo, offrendo poi alcune concrete applicazioni per vivere la misericordia nella vita presbiterale.

E’ seguita anche una breve comunicazione del diacono Giorgio Carlino, responsabile regionale per il Sovvenire

I partecipanti hanno poi potuto visitare la basilica della Sacra, nella sua ricchezza storico – artistica e celebrare l’Eucaristia, dove, nell’Omelia ha ancora riflettuto sulla misericordia del Signore, senza dimenticare il ruolo del beato Antonio Rosmini che ricevette questo luogo per volontà del Re Carlo Alberto.

Amicizia, fraternità, apostolicità, nella dimensione del presbiterio diocesano. E’ questo il senso dell’Unione Apostolica del Clero; un gruppo di ministri ordinati (Vescovo, Sacerdoti e diaconi) che vivono la spiritualità del presbiterio diocesano ponendosi al servizio degli altri confratelli.

 

don Gian Paolo Cassano

DIOCESI DI FAENZA

Giornata sacerdotale a Faenza

25 maggio 2016

Da alcuni anni il circolo UAC di Faenza organizza in diocesi una giornata di riflessione, dialogo e fraternità attorno ai temi della spiritualità diocesana del presbitero. È diventato un appuntamento seguito anche da vari ministri ordinati amici, anche se non aderenti all’ associazione. L’incontro si è svolto a Fognano (Ra) il 25 maggio 2016. Quest’anno ha visto al partecipazione del vescovo mons. Mario Toso, del vescovo emerito mons. Claudio Stagni più una ventina di presbiteri e alcuni diaconi. Relatore è stato don Tino Creuso della diocesi di Padova che ci ha aiutato, secondo la sua esperienza, a ripensare il nostro ministero di confessori e strumenti della Misericordia di Dio Egli ha ravvisato come tante persone si stanno riavvicinando alla confessione…per ritrovare il senso della loro vita. Hanno bisogno di trovare qualcuno disponibile. Occorre rimettere al centro questo sacramento. È occasione per far toccare con mano la misericordia del Padre. Veramente ci ha incoraggiati raccontando i frutti pastorali ottenuti con questo ministero ben esercitato.  Dalla riflessione si è poi passati al momento di fraternità con un buon pranzo conclusivo. La gente cerca padri, maestri veri e testimoni, per cui si avvicina al dialogo penitenziale: ma noi ci siamo?

GIUBILEO DEI SACERDOTI E DEI SEMINARISTI

UAC e Giubileo: davanti alle difficoltà dei preti

‘ Abbi cura di te’ è la prima parola che ci ha lasciato mons. Calogero La Piana, vescovo emerito di Messina, nell’incontro Uac a Roma ( 1 giugno 2016) durante il giubileo dei presbiteri. Il relatore ha ricordato il motto salesiano che dice:’ se vuoi riposarti cambia lavoro’ ma ha raccontato pure la sua esperienza personale per cui oggi a troppo tirare nelle attività si rischia molto. Lo stress quando ti assale è improvviso e implacabile.  Certamente, ha ricordato, è la vita spirituale a sostenere e motivare il presbitero e questa non va mai trascurata. Ma da confessore ora mons. Calogero denota molte mancanze in quest’area, che portano a fatiche relazionali, attaccamento vero i beni materiali, disordine di vita e pian piano mancanza di generosità e stanchezza. Trascurare la vita spirituale può portare anche all’abbandono del sacerdozio. Anche la comunità presbiterale è un dono da vivere e non trascurare. Dovremmo aver però più cura gli uni degli altri soprattutto evitando le chiacchiere e usando il perdono reciproco. Nel dialogo finale si è sottolineata la necessità di avere più compassione vicendevole tra preti e si è mostrato che anche l’ esperienza della propria fragilità se accettata, magari con uno spirito di perdono verso se stessi e anche con un po’ di umorismo (come diceva papa Francesco durante le meditazioni del Giubileo) potrà diventare arricchimento per l’esercizio del nostro ministero e quindi fonte di santificazione.

Don Massimo Goni

TERZO GIORNO 3 giugno 2016

Solennità del Sacro Cuore

I sacerdoti e i seminaristi partecipano nella piazza di San Pietro alla S. Messa presieduta dal Papa Francesco. E’ il momento della festa per il Giubileo e la Giornata di santificazione del clero.

Momento della celebrazione Eucaristica

Momento della celebrazione Eucaristica

Papa Francesco dopo la Messa scende in mezzo ai preti e li vuole salutare uno per uno soffermandosi oltre un’ora con loro.

Papa Francesco in mezzo ai preti

Papa Francesco in mezzo ai preti

La giornata del Giubileo dei sacerdoti e dei seminaristi si conclude con la recita del S. Rosario nello spazio a fianco della statua di San Pietro.

S. E. Mons. Fisichella presiede la recita del Rosario

S. E. Mons. Fisichella presiede la recita del Rosario

SECONDO GIORNO 2 giugno 2016

Nel secondo giorno del Giubileo dei sacerdoti e dei seminaristi si è tenuto il Ritiro spirituale predicato dal Santo Padre Francesco. I luoghi dell’incontro dei sacerdoti erano diversificati per provenienza: a San Giovanni in Laterano si sono riuniti i sacerdoti di Roma e della Curia romana dove è stata predicata la prima riflessione; nella Basilica di S. Maria Maggiore quelli d’Italia dove è stata predicata la seconda meditazione e nella Basilica di San Paolo fuori le mura i sacerdoti dell’estero dove è stata predicata la terza meditazione. Papa Francesco ha tenuto tre splendide meditazioni sulla Misericordia e il ruolo del sacerdote. I tre gruppi hanno potuto partecipare alle tre meditazioni attraverso la TV 2000 che ha curato i collegamenti.

Papa Francesco presenta la seconda meditazione a S. Maria Maggiore

Papa Francesco presenta la seconda meditazione a S. Maria Maggiore

I sacerdoti durante il loro incontro nelle tre Sedi hanno vissuto anche i momenti di preghiera, di adorazione Eucaristica, di possibilità delle confessioni e della concelebrazione Eucaristica.

L’organizzazione di questa giornata è stata molto positiva e gradita dai sacerdoti.

I sacerdoti presenti a S. Maria Maggiore si preparano per la concelebrazione Eucaristica

I sacerdoti presenti a S. Maria Maggiore si preparano per la concelebrazione Eucaristica

PRIMO GIORNO 1 GIUGNO 2016

Un piccolo gruppo dell’UAC ha vissuto questa prima giornata nella Porta Santa della Caritas di Roma in via Marsala.

Il piccolo gruppo UAC alla Porta Santa della Caritas di Roma

Il piccolo gruppo UAC alla Porta Santa della Caritas di Roma

Dopo il passaggio della Porta Santa della Caritas il gruppo ha condiviso con S.E. Mons. Clangore La Piana, già vescovo di Messina, una concreta e partecipata riflessione sul tema “Accompagnare la fragilità del presbitero” e la sera è stata vissuta l’intensa concelebrazione Eucaristica.

S. E. Mons. Clangore La Piana nel dialogo con i presbiteri dell'UAC

S. E. Mons. Clangore La Piana nel dialogo con i presbiteri dell’UAC

PROGRAMMA

01 giugno 2016 – 03 giugno 2016

Piazza San Pietro

A immagine del Buon Pastore, il prete è uomo di misericordia e di compassione,

vicino alla sua gente e servitore di tutti.

Papa FrancescoPAPA E I PRETI

 

Mercoledì 1 Giugno 2016

Dalle ore 9.00 alle ore 16.00

Nelle chiese giubilari (San Salvatore in Lauro, Santa Maria in Vallicella, San Giovanni dei Fiorentini):

Adorazione Eucaristica

Sacramento della Riconciliazione

Pellegrinaggio verso la Porta Santa

17.30  Catechesi e Santa Messa per gruppi linguistici (Italiano, Inglese, Spagnolo, Polacco, Francese, Tedesco, Portoghese)

           

Giovedì 2 Giugno

Ritiro Predicato dal Santo Padre

10.00 Prima riflessione

12.00 – Seconda riflessione

16.00 – Terza riflessione

17.30  Concelebrazione Eucaristica

 

Venerdì 3 Giugno 2016

Solennità del Sacratissimo Cuore di Gesù

9:30 S. Messa in Piazza S. Pietro con il Santo Padre 

Ultim’ora

2 luglio 2017

BUONE VACANZE

 E BUONA LETTURA

DI “LIEVITO DI FRATERNITA”

 


Questo volume è il frutto di un lavoro collegiale, che tra il 2014 e il 2016 ha coinvolto i Pastori delle Chiese che sono in Italia attorno al tema del Rinnovamento del clero a partire dalla formazione permanente. Si tratta di un agile strumento pastorale con proposte qualificate e percorsi di comunione necessari a realizzarle, spunti per continuare il confronto, il discernimento e l’elaborazione di processi di riforma. Tra i titoli: primato della dimensione comunitaria, diocesanità e carità pastorale, fraternità presbiterale, cura della vita interiore, sequela, responsabilità amministrative ed economiche, gioia evangelizzatrice e prima formazione.

 

 

 

 

7 maggio 2017

IL  30 MAGGIO 2017 SI TERRA’ LA RIUNIONE DEL CONSIGLIO NAZIONALE UAC NELLA SALA DELLA STAZIONE TERMINI A ROMA. INIZIO LAVORI ORE 11,00 FINO ALLE 17,00. OLTRE I CONSIGLIERI NAZIONALI PARTECIPERANNO ANCHE I RESPONSABILI REGIONALI.

La segreteria.

16 aprile 2017

PASQUA

La Redazione del Sito

AUGURA

una Santa Pasqua a tutti i visitatori.

S'Incravamentun in Sardegna

S’Incravamentu in Sardegna

 

UAC Notizie è in arrivo nelle Sedi degli iscritti in questi giorni. Potete leggere il n. 1- 2017 nella pagina centrale in questo Sito. Buona lettura!

 

5 marzo 2017

LE ISCRIZIONI ALL’UAC

Il rinnovo dell’adesione e le nuove iscrizioni all’UAC è bene che arrivino entro il mese di marzo in modo da avere subito UAC Notizie e Presbyteri . Ogni singolo socio può effettuare il rinnovo anche personalmente compilando il conto corrente postale n. 47453006 intestato a UNIONE APOSTOLICA DEL CLERO, via T. Valfrè, 11 -00165 ROMA RM. Il ccp precompilato lo si può trovare nel n. 4 2016 di “UAC Notizie”. Per l’abbonamento anche a Presbyteri la quota è di 65,00 Euro, mentre quella solo all’UAC è di 25,00 Euro.

Ci attendiamo una crescita in qualità e quantità dell’UAC per un servizio generoso e utile per il clero italiano.

Grazie.

 

20 – 21 febbraio 2017

CONSIGLIO NAZIONALE UAC AD ANDRIA

I partecipanti al Consiglio nazionale UAC ad Andria

I partecipanti al Consiglio nazionale UAC ad Andria

Il Consiglio nazionale UAC si è riunito ad Andria il 20 – 21 febbraio 2017.

Il Consiglio nazionale ha apprezzato la squisita ospitalità da parte del Presidente nazionale S. E. Mons. Luigi Mansi e da parte della diocesi di Andria.

In questo primo Consiglio del triennio 2016-2019 si è affrontata una prima analisi dell’andamento delle iscrizioni all’UAC dalla quale risulta che per il momento sono arrivate già circa 400 adesioni dai gruppi diocesani e dai singoli soci. Vi è anche un interesse sempre maggiore tra i preti giovani.

E’ stato indicato, quindi, il tema del prossimo triennio: TEMATICA GENERALE: “La conversione al discernimento dei ministri ordinati, Vescovi, presbiteri e diaconi, alla luce del recente Magistero”.

Sono state poi individuate anche le scansioni per i diversi anni:

  • I anno: discernimento e identità vocazionale
  • II anno: discernimento come cammino comunitario
  • III anno: discernimento dei segni dei tempi per la missione.

E’ stato quindi programmato il primo numero di Uac Notizie.

CONVEGNO NAZIONALE UAC

Il Convegno nazionale UAC si terrà il 27 – 28 – 29 novembre 2017 a Loreto o Assisi “Domus laetitiae”. Il tema: “La conversione al discernimento dei ministri ordinati, Vescovi, presbiteri e diaconi, alla luce del recente magistero – discernimento e identità vocazionale”.

Sono state poi individuate anche le persone che terranno le Relazioni e la Tavola rotonda.

Infine è stato determinato il Calendario dell’UAC per il 2017: Consiglio nazionale aperto anche ai Responsabili regionali: 30 maggio 2017 a Stazione Termini dalle ore 11,00 alle 17,00; 26 – 27 settembre 2017 a Parma dal pomeriggio del 26 a pranzo del 27; 29 novembre 2017 pomeriggio a Loreto o Assisi.

Tutti i partecipanti al Consiglio nazionale esprimo ancora una volta la loro soddisfazione e il loro ringraziamento per l’accoglienza loro riservata da parte del Presidente nazionale S. E. Mons. Luigi Mansi e delle strutture della diocesi anche per la visita ai luoghi significativi di Andria.

don Albino Sanna, segretario nazionale

 

1 febbraio 2017

Don Nino Carta, vice Presidente UAC dell’area Sud con il calciatore dell’Inter Eder.


don Nino Carta con l'amico il calciatore dell'Inter Eder

Bellissima immagine.

 

 

 

 

 

 

UNIONE APOSTOLICA DEL CLERO – UMBRIA

 LUNEDÌ,  6 febbraio 2017, ALLE ORE 9,30

si tiene  a Foligno, nell’Istituto missionario “La quiete” il CENACOLO sul tema “Amoris latitia”.

L’incontro si concluderà con il pranzo.

don Sergio Andreoli

DELEGATO DELL’UMBRIA

 

20 gennaio 2017

Tutta l’UAC si stringe attorno a don Stefano Rosati, Consigliere UAC per l’Area Nord, e ai familiari tutti, per il transito della madre Ines alla vita eterna e assicura la preghiera di suffragio nella certezza che il Signore l’ha accolta in Paradiso dove occupa già il posto a lei riservato nel settore delle mamme dei preti!

 

 

 

13 gennaio 2017

CONVOCAZIONE DEL CENTRO STUDI

Carissimi componenti del Centro Studi,
vi invio convocazione e o.d.g. del prossimo incontro del Centro Studi, che si radunerà il 7 febbraio 2017 alle ore 9:30:
1) Bilancio e prospettive dell’ultima assemblea nazionale UAC;
2) Valutazione delle attività svolte;
3) Proposte da parte dei componenti del Centro Studi di programmi e iniziative dell’UAC;
4) Varie ed eventuali.
 
Il luogo dell’incontro è quello dell’ultima volta: ISTITUTO RELIGIOSE ORSOLINE U.R., VIA NOMENTANA, 34 – 00161 ROMA. Tel. 06 4402983/33/53. Fax: 04 4404719.
Chi, arrivando la sera prima, desidera pernottare, prenda per cortesia contatto direttamente con la casa.
Vi chiedo gentilmente di farmi pervenire con anticipo la conferma o meno della vostra presenza, segnalandomi anche se vi fermate a pranzo oppure no. A tal proposito mi permetto di segnalare, onde evitare disguidi che purtroppo si sono verificati, che nel momento in cui confermate la presenza al pranzo la casa che ci ospita ci fa pagare in ogni caso il costo del pasto stesso, per cui, per non sciupare risorse dell’UAC e cibo, è auspicata la corrispondenza tra la vostra adesione e l’effettiva presenza al pranzo stesso. 
Colgo l’occasione per porgere a voi tutti, a nome del confermato Presidente nazionale UAC S. E. Mons. Luigi Mansi, del Direttore del Centro Studi Mons. Antonio Pitta e mio auguri di ogni bene.
 
Il segretario
d. Fernando Bellelli

 

 

 

6 gennaio 2017natale IMMAGINE MODERNA

Epifania del Signore

Auguriamo un Anno sereno a tutti i soci dell’UAC.

APERTE LE ISCRIZIONI ALL’UAC

Sono già inviate le lettere ai Direttori diocesani per il rinnovo e per le nuove iscrizioni all’UAC che dovrebbero arrivare entro il mese di marzo. Ogni singolo socio può effettuare il rinnovo anche personalmente compilando il conto corrente postale n. 47453006 intestato a UNIONE APOSTOLICA DEL CLERO, via T. Valfrè, 11 -00165 ROMA RM. Il ccp precompilato lo si può trovare nel n. 4 2016 di “UAC Notizie” che dovrebbe arrivare agli iscritti fra qualche settimana.

Ci attendiamo una crescita in qualità e quantità dell’UAC per un servizio generoso e utile per il clero italiano.

Grazie. 

Letture Consigliate

– Lettera del Presidente d. Luigi Mansi ai Direttori diocesani, nella pagine del Presidente

– Il saluto del nuovo presidente UAC d. Luigi Mansi, nella pagina centrale

– La relazione del triennio di d. Vittorio Peri, nella pagina centrale

Il presbiterio di d. Vittorio Peri, in “Riflessioni ed esperienze“.

Vivere insieme: un sogno o un’opportunità di d. Massimo Goni, in “Dialogare per crescere“.

Quanto è buono e dolce che i fratelli vivano insieme di d. Giancarlo Lanforti, in “Dialogare per crescere

Riflessioni ed Esperienze