GIORNATA DI SANTIFICAZIONE DEL CLERO

11 giugno 2021 – Solennità del S. Cuore

Cari Sacerdoti,

“La Giornata di Santificazione del Clero, celebrata nella Solennità del Sacro Cuore di Gesù, ci offre l’occasione di fermarci alla presenza del Signore, per rinnovare la memoria del nostro incontro con Lui e, così, rinvigorire la nostra missione a servizio del Popolo di Dio. Non dobbiamo dimenticare, infatti, che il fascino della vocazione che ci ha attratti, l’entusiasmo con il quale abbiamo scelto di camminare nella via della speciale consacrazione al Signore e i prodigi che vediamo nella nostra vita presbiterale, hanno la loro origine nell’incrocio di sguardi che c’è stato tra Dio e ciascuno di noi” (Papa Francesco).

UAC Notizie – Numero 2/2021

In questo numero:

 

Pag. 1 – EDITORIALE
Perché stessero con Lui…/2
✠ S. E. Mons. Luigi Mansi

Pag. 4 – LETTERA DEL PRESIDENTE
S. E. Mons. Luigi Mansi

Pag. 6 – LO STUDIO 1
Leggere la Bibbia non basta. Bisogna cercare di capirla
Mons. Vittorio Peri

Pag. 9 – RIFLESSIONE
Pregare nell’orizzonte di papa Francesco
don Rino La Delfa

Pag. 15 – MAGISTERO E MINISTERO ORDINATO
Le sfide per l’evangelizzazione
don Gian Paolo Cassano

Pag. 19 – ESPERIENZE DI ANIMAZIONE
Condivisione sulla vita del prete nel tempo di pandemia
don Massimo Goni

Pag. 20 – IL CORAGGIO DI CHIAMARE
Il coraggio della testimonianza vocazionale
don Giuseppe Di Giovanni

Pag. 23 – MARTIRI MISSIONARI
Martiri Beati di Casamari
don Gian Paolo Cassano

Pag. 26 – DIACONATO PERMANENTE
Fisionomia
Roberto Massimo

Pag. 29 – VITA ASSOCIATIVA
don Albino Sanna

Pag. 40 – GUTERBERG, IL LIBRO AMICO
Don Gian Paolo Cassano

Pag. 41 – AGENDA ASSOCIATIVA

 

Scarica il numero 2/2021 della nostra rivista in PDF.

PENTECOSTE

VIENI SANTO SPIRITO 

23 maggio 2021

Pentecoste: (in greco antico: πεντηκοστή [ἡμέρα], pentecosté [hēméra], cioè “cinquantesimo [giorno]”) è la festa cristiana in cui viene celebrata l’effusione dello Spirito Santo, dono di Gesù, e la nascita della Chiesa.

Pregare nell’orizzonte di papa Francesco

Riflessioni a margine dell’invito a pregare il rosario per invocare il soccorso divino in questo tempo di pandemia.
Pregare non ha bisogno di premesse. Sarebbe già una cessione della propria autonomia! Specie poi se pregare viene scambiato con una riflessione filosofica o teologica su Dio. Può essere bello, ma rimane uno studio, non è preghiera; è una preparazione, una riflessione, una meditazione, ma non è preghiera. Quando mi fermo e comincio a pregare, è allora che prego. Quando un ragazzo e una ragazza si piacciono, cominciano a studiarsi reciprocamente, a chiedere informazioni l’uno dell’altro, ma non stanno ancora dialogando. Non si conoscono ancora perché parlano dell’altro ma non con l’altro. Immaginare chi è la persona con cui voglio cominciare a parlare non è conoscersi. La riflessione e lo studio sono importanti, non sono inutili, ma restano solo ipotesi per immaginare chi sia la persona con cui si vuole parlare. Non è ancora parlargli. È solo quando mi avvicino e do del tu a quella persona che finalmente comincio a conoscerla davvero, e tutte le informazioni che ho raccolto finora e le idee che mi sono fatto non servono più, diventano inutili.
La preghiera significa cominciare a dare del tu a Dio. Parte solo dopo che ho abbandonato le mie ipotesi e aver dato un taglio alle mie fantasticherie. La ragione e l’immaginazione descrivono l’altro sempre con un pronome alla terza persona. L’altro così rimane una ipotesi. La preghiera chiama l’altro e gli parla sempre con il pronome alla seconda persona. È l’inizio della sua conoscenza. Descrivere la preghiera senza averla mai sperimentata è possibile e anche facile, dal momento che si potrebbero avanzare infinite ipotesi; sperimentare la preghiera e poi descriverla è impossibile perché qualunque parola potrei usare non è mai sufficiente a ripetere il silenzio che ho udito. La preghiera solca la differenza tra lo scitum e il creditum, tra il sapere e il credere. Il sapere soggiace per natura all’eteronomia, dacché ho bisogno di fonti esterne e delle loro leggi per saziare la mia intelligenza. Credere invece mi fa partecipare al modo di essere di Dio. Si chiama partecipazione alla Teonomia, parola apparentemente difficile, il cui senso ci è venuto a dispiegare Gesù quando si è fatto uomo per farci come Dio, mettendo nei nostri cuori il suo Spirito, una legge non incisa sulla pietra ma nella carne.
Leggi altro ›

3 maggio 2021 – CONVEGNO ON LINE ORGANIZZATO DA “PRESBYTERI”.

domenica della divina misericordia

Domenica della divina misericordia

“Beati quelli che pur non avendo visto crederanno” (Gv 20,29).
La domenica della divina misericordia è una festività cattolica istituita nel 2000 da papa Giovanni Paolo II e dedicata alla divina misericordia. Nell’anno liturgico della Chiesa cattolica viene celebrata nel giorno della domenica in Albis, ovvero la domenica successiva a Pasqua.
“Il Signore è paziente e misericordioso, lento all’ira e grande nell’amore” (Sal 145, 1

VIA CRUCIS IN PIAZZA SAN PIETRO 2 APRILE 2021

IL PRETE DEI TERREMOTATI

Diocesi di Camerino

IL PRETE DEI TERREMOTATI CELEBRA LA LITURGIA CELESTE

Lunedì 29 marzo 2021 c’è stato funerale di don Nello Tranzocchi (Covid) ex vicario generale ed ex cappellano militare. Don Nello, il prete dei terremotati

Mentre nelle parrocchie stavano per iniziare le celebrazioni della domenica delle palme, 28 marzo 2021, don Nello Tranzocchi è stato associato alla liturgia celeste per celebrare l’ingresso trionfale di Gesù a Gerusalemme unito al coro degli angeli e dei santi in Paradiso.

La sua forte fibra aveva retto bene il terremoto del 1997 e ancor più quello del 2016, nonché un delicato e rischioso intervento cardiologico, ma non ha superato l’effetto devastante del Covid 19.

Don Nello era nato l’11 gennaio 1941 nella frazione di Nemi che fino al 1 gennaio 2017  apparteneva al comune di Fiordimonte, quando questo si fuse con quello di Pievebogliana. assumendo il nome di Valfornace. Leggi altro ›