LA SARDEGNA BRUCIA

Seminario di Cuglieri dove ho trascorso otto anni della mia formazione teologica e della mia giovinezza. Ricordi bellissimi nei monti e negli stupendi boschi, nel giardino del Seminario sormontato dalla venerata statua del Sacro Cuore. Quanta tristezza vedendo le immagini della distruzione della natura. Educhiamo a custodire la nostra terra.

don Albino Sanna

INCONTRO UAC AREA NORD A LODI

INCONTRO UAC AREA NORD

Partecipanti all’incontro UAC a Lodi dell’Area Nord

Ecco il gruppo dei partecipanti all’incontro di Lodi dell’UAC nord il 10 luglio 2021, in rappresentanza del Piemonte (Casale Monferrato) Lombardia Lodi, Vigevano), Emilia R. (Faenza), Veneto (Vicenza, Padova, Verona).

Grazie a don Vincenzo Giavazzi per l’accoglienza e a don Massimo Goni per la conduzione.

MONS. ALBERTO D’URSO CELEBRA IL 60° ANNIVERSARIO DELLA ORDINAZIONE SACERDOTALE

2 luglio 2021 

Mons. Alberto D’Urso insieme alla sua fedelissima segretaria Genny in un momento di relax a Gavoi – Sardegna durante un Consiglio nazionale UAC

Mons. Alberto D’Urso celebra nella chiesa di Santa Maria delle Grazie ad Acerno (Salerno), dove don Alberto è nato, il 60° anniversario della sua ordinazione sacerdotale.

Tutta l’UAC italiana si unisce nella lode al Signore con Mons. Alberto D’Urso della diocesi di Bari. Un sentito grazie per la presenza costante, competente e generosa nella promozione dell’Associazione di clero a tutti i livelli sia diocesano, che regionale e nazionale. Vi è sempre stato un legame profondo di don Alberto con l’UAC. Un grazie da tutta la Chiesa che è in Italia e in particolare da tanti Vescovi, Preti e Diaconi che hanno avuto il dono di poter conoscere e apprezzare don Alberto.

Ad multos annos !!!

Robert Schuman Venerabile

ROBERT SCHUMAN VENERABILE
con Alcide De Gasperi e Konrad Adenauer, viene considerato uno dei padri della Comunità Europea.
Il 19 giugno 2021 il Papa Francesco ha autorizzato a promulgare il Decreto che riconosce le virtù eroiche dello statista francese.
Quando la Chiesa propone un cristiano, laico o consacrato, all’esempio di tutta la Chiesa non lo addita come un “super-uomo”, ma lo indica come persona “che ha vissuto nella porta accanto” praticando nella quotidianità l’integralità del Vangelo. La Chiesa non reclama per sé dei santi, ma annuncia la sola santità, quella di Dio, che si manifesta attraverso persone che ci offre perché possiamo seguire il loro esempio di vita.
Robert Schuman (1866-1963) è un politico francese nato a Lussemburgo, ma che è vissuto a Metz, capoluogo della Mosella (Francia). Fin dalla sua infanzia e adolescenza risentì dell’influenza della profonda pietà religiosa della madre. Crebbe immerso in due culture: quella francese e quella tedesca. Frequentò gli studi universitari di giurisprudenza a Bonn, Monaco, Berlino e Strasburgo, dove intrecciò una profonda intesa con gli universitari cattolici dell’Unitas.

GIORNATA DI SANTIFICAZIONE DEL CLERO

11 giugno 2021 – Solennità del S. Cuore

Cari Sacerdoti,

“La Giornata di Santificazione del Clero, celebrata nella Solennità del Sacro Cuore di Gesù, ci offre l’occasione di fermarci alla presenza del Signore, per rinnovare la memoria del nostro incontro con Lui e, così, rinvigorire la nostra missione a servizio del Popolo di Dio. Non dobbiamo dimenticare, infatti, che il fascino della vocazione che ci ha attratti, l’entusiasmo con il quale abbiamo scelto di camminare nella via della speciale consacrazione al Signore e i prodigi che vediamo nella nostra vita presbiterale, hanno la loro origine nell’incrocio di sguardi che c’è stato tra Dio e ciascuno di noi” (Papa Francesco).

PENTECOSTE

VIENI SANTO SPIRITO 

23 maggio 2021

Pentecoste: (in greco antico: πεντηκοστή [ἡμέρα], pentecosté [hēméra], cioè “cinquantesimo [giorno]”) è la festa cristiana in cui viene celebrata l’effusione dello Spirito Santo, dono di Gesù, e la nascita della Chiesa.

Pregare nell’orizzonte di papa Francesco

Riflessioni a margine dell’invito a pregare il rosario per invocare il soccorso divino in questo tempo di pandemia.
Pregare non ha bisogno di premesse. Sarebbe già una cessione della propria autonomia! Specie poi se pregare viene scambiato con una riflessione filosofica o teologica su Dio. Può essere bello, ma rimane uno studio, non è preghiera; è una preparazione, una riflessione, una meditazione, ma non è preghiera. Quando mi fermo e comincio a pregare, è allora che prego. Quando un ragazzo e una ragazza si piacciono, cominciano a studiarsi reciprocamente, a chiedere informazioni l’uno dell’altro, ma non stanno ancora dialogando. Non si conoscono ancora perché parlano dell’altro ma non con l’altro. Immaginare chi è la persona con cui voglio cominciare a parlare non è conoscersi. La riflessione e lo studio sono importanti, non sono inutili, ma restano solo ipotesi per immaginare chi sia la persona con cui si vuole parlare. Non è ancora parlargli. È solo quando mi avvicino e do del tu a quella persona che finalmente comincio a conoscerla davvero, e tutte le informazioni che ho raccolto finora e le idee che mi sono fatto non servono più, diventano inutili.
La preghiera significa cominciare a dare del tu a Dio. Parte solo dopo che ho abbandonato le mie ipotesi e aver dato un taglio alle mie fantasticherie. La ragione e l’immaginazione descrivono l’altro sempre con un pronome alla terza persona. L’altro così rimane una ipotesi. La preghiera chiama l’altro e gli parla sempre con il pronome alla seconda persona. È l’inizio della sua conoscenza. Descrivere la preghiera senza averla mai sperimentata è possibile e anche facile, dal momento che si potrebbero avanzare infinite ipotesi; sperimentare la preghiera e poi descriverla è impossibile perché qualunque parola potrei usare non è mai sufficiente a ripetere il silenzio che ho udito. La preghiera solca la differenza tra lo scitum e il creditum, tra il sapere e il credere. Il sapere soggiace per natura all’eteronomia, dacché ho bisogno di fonti esterne e delle loro leggi per saziare la mia intelligenza. Credere invece mi fa partecipare al modo di essere di Dio. Si chiama partecipazione alla Teonomia, parola apparentemente difficile, il cui senso ci è venuto a dispiegare Gesù quando si è fatto uomo per farci come Dio, mettendo nei nostri cuori il suo Spirito, una legge non incisa sulla pietra ma nella carne.
Leggi altro ›

3 maggio 2021 – CONVEGNO ON LINE ORGANIZZATO DA “PRESBYTERI”.