PALERMO – CENACOLO UAC

IL CONVEGNO NAZIONALE DI TORINO È SOSPESO

NOTA DELLA PRESIDENZA

CONVEGNO ANNUALE 2021

Il Convegno annuale previsto per l’8 – 10 novembre 2021 a
Torino, per alcune difficoltà organizzative insorte con l’Hotel
Fortino di Torino e per una necessaria prudenza, anche
quest’anno siamo costretti a SOSPENDERE la celebrazione
del Convegno annuale.

Pubblicheremo le due Relazioni fondanti del Convegno sul
tema: “Perché stessero con Lui” nel prossimo N. 4 di UAC
Notizie.

Mentre ringraziamo don Gian Paolo Cassano per la sua disponibilità
e il suo generoso servizio svolto, ci auguriamo
che si possa riprendere il CONVEGNO ANNUALE, a Dio piacendo,
a partire dal Convegno-Assemblea Elettiva, che si
terrà a Roma nell’Hotel “Tra noi” dal 26 al 28 giugno 2022.

                                                                   La Presidenza UAC

 

 

MONS. VITTORIO PERI E’ TORNATO ALLA CASA DEL PADRE, “… ATTESO DALL’AMORE”

TUTTA L’UAC ONORA E RICORDA CON RICONOSCENZA

MONS. VITTORIO PERI

PRESIDENTE DELL’UNIONE APOSTOLICA DEL CLERO DAL 2005 AL 2013 

Nella foto Mons. Vittorio PERI (seduto) insieme al nostro attuale Presidente Mons. Luigi Mansi  vescovo di Andria, il giorno della consegna del mandato di Presidente dell’UAC nel 2013. Grazie a don Vittorio per la sua testimonianza sacerdotale e la sua grande opera nell’UAC.

È tornato alla casa del Padre nella prima mattinata di martedì 24 agosto 2021 monsignor Vittorio Peri, attuale vicario episcopale per la cultura; tanti i messaggi di cordoglio, arrivati da tutta la diocesi di Assisi, Nocera Umbra e Gualdo Tadino. Tra questi quelli dell’Unione Apostolica del Clero italiana.

Monsignor Vittorio Peri era nato a Fossato di Vico il 4 settembre del 1932 ed era stato incardinato nella diocesi di Assisi il 30 settembre del 1982. Uomo di grande spessore spirituale e culturale monsignor Peri ha ricoperto numerosi incarichi; monsignor Sergio Goretti lo nominò canonico della cattedrale di San Rufino e nel 1983 vicario generale della diocesi per più di dieci anni. Importanti e molteplici i suoi incarichi sia a livello nazionale che locale. Nel 1998 la Conferenza episcopale Italiana lo nomina Consulente ecclesiastico nazionale del Centro sportivo Italiano, incarico che gli verrà ulteriormente rinnovato nel successivo triennio. Nel 1999 viene nominato per un triennio preside dell’Istituto Teologico di Assisi dove ha anche insegnato.

Dal 2000 al 2006 è stato priore del Capitolo della chiesa cattedrale di San Rufino dove ha rappresentato e coordinato con attenzione l’attività dell’ente. Brillante scrittore e giornalista nel 2002 gli viene affidato l’ufficio stampa della diocesi e l’organizzazione mediatica in sinergia con la Sala stampa della Santa Sede della Giornata mondiale di preghiera per la pace celebrata in Assisi alla presenza di papa San Giovanni Paolo II. Nel 2004 viene nominato assistente spirituale dell’Istituto secolare “Spigolatrici della Chiesa”.

Dal 2005 al 2013 è stato eletto come Presidente nazionale dell’Unione Apostolica del Clero (UAC) dove ha profuso tutta la sua capacità organizzativa e la sua sensibilità per il clero diocesano in particolare con la promozione della spiritualità diocesana e le sue numerose e profonde pubblicazioni. Molto fruttuosa è stata la sua presenza e la sua conduzione del Centro Studi dell’UAC.

Nel 2006 l’attuale vescovo, monsignor Domenico Sorrentino, lo ha nominato vicario giudiziale e vicario episcopale per la Cultura, incarichi che ha ricoperto fino ad oggi con tanto impegno nonostante la malattia. Nel 2009 viene chiamato a ricoprire l’incarico di vicario giudiziale aggiunto del tribunale ecclesiastico regionale umbro. Nel 2010 viene nominato presidente nazionale della Federazione italiana dell’Unione Apostolica del Clero e membro del Comitato etico scientifico dell’Istituto Serafico di Assisi dove ha ricoperto anche il ruolo di vice presidente. Attuale direttore del mensile diocesano Chiesa Insieme ha sempre continuato a coordinare l’attività, a scrivere il suo editoriale ‘Parabole moderne’ per lo stesso bollettino e per altre testate locali.

Brillante e notevole la sua produzione letteraria con una serie di pubblicazioni di vario genere, dal libro ’Assisi ‘93, Fotocronaca di una speranza’ a ‘San Ludovico da Casoria’, da ‘Uomini e Pietre’ a ‘Rita da Cascia’, da ‘Alla fine l’amore, domande e risposte sull’Aldilà’ a ‘Pensieri sparsi verso l’Oltre’. “Piangiamo la scomparsa del nostro confratello, il caro don Vittorio Peri – dice il vescovo Sorrentino – di cui personalmente ho potuto apprezzare la grande fede, forte, fervida e riservata, lo spessore culturale con un’attenzione alla bellezza e alla conoscenza. Preghiamo per lui e siamo vicini ai suoi parenti in questo momento di dolore nella consapevolezza che ci proteggerà dal Cielo”.

La cerimonia funebre, presieduta dal vescovo S. E. Mons. Domenico Sorrentino, si è tenuta giovedì 26 agosto 2021 alle ore 10 nella cattedrale di San Rufino ad Assisi.

L’UAC era  rappresentata dall’attuale Segretario nazionale don Albino Sanna, dal Vice Presidente dell’Area Centro don Luigino Scarponi e dall’Economo diac. Mauro Tommasi.

ONORIAMO PREGHIAMO E IMITIAMO SAN PIO X

21 agosto 2021 – Memoria di San Pio X, socio e protettore dell’UAC

San Pio X è uno dei patroni dell’UAC e lui stesso ne è stato socio.

Il suo esempio di pastore della Chiesa universale sia nella catechesi che nella liturgia e nel governo in tempi difficili sia per tutto il clero un punto di riferimento.

DON ANTONIO SPINELLI A 10 ANNI DALLA MORTE

Preti che ci lasciano

DON ANTONIO SPINELLI

Don Antonio Spinelli:  “Da pastorello obbediente a Pastore zelante” .

Ho incontrato la prima volta don Antonio quando diacono visse un intero anno con noi ragazzi delle medie nel seminario di Montalto delle Marche. Fu per lui un impegno gravoso in quanto doveva studiare per gli ultimi esami e stare con noi come prefetto. Era per lui l’anno dell’Ordinazione presbiterale e mi coinvolse, in quanto sagrestano, diverse volte ad assistere alle prove della Messa.

In quel tempo c’era questo uso: si facevano le prove per celebrare bene la prima Messa. Anch’io ho fatto le prove! quando piccolo in casa giocavo o giocavamo a “dire la messa”.   Lo faceva con scrupolosa attenzione: mantenere allargate e pari le braccia; specificare chiaramente le parole soprattutto quelle della consacrazione. Questo avveniva in cattedrale nella cappella dei canonici sull’altare sotto alla grata che in passato aveva custodito il reliquiario. Fin dall’ora feci questo proposito di celebrare diligentemente, attentamente e con il tempo dovuto l’Eucaristia.

Ci siamo incontrati nel 10° anniversario della sua morte.

Don Luigino Scarponi

 

CENACOLI UAC – SARDEGNA

L’UAC della Sardegna ha vissuto il Cenacolo regionale a Osidda NU il 12 agosto 2021, ospiti di don Nino Carta Responsabile regionale che insieme a Mons. Giuseppe Sanna Consigliere UAC dell’Area Centro, hanno condotto l’incontro. Erano presenti 21 tra presbiteri e diaconi, tra i quali tanti giovani preti, provenienti da sei diocesi della Sardegna, quindi quasi la totalità.  Scrive don Nino:  “Ho avuto la grazie di trascorrere a Osidda una giornata di incontro con più di venti sacerdoti e diaconi provenienti da tutta la Sardegna, in un Cenacolo dell’UAC, Unione Apostolica del Clero. Tanti, tanti giovani… Clima di fraternità pura; preghiere, esperienze di vita, approfondimenti, un po’ di organizzazione. Poi l’agape fraterna per terminare. Abbracci, saluti e arrivederci a non finire. Rientrando a casa stanco e ancora con la Messa da celebrare a Buddusò mi sono detto emozionato: “Come è vero; quando seminiamo amore, raccogliamo Paradiso”. Tutti questi fratelli preti  e diaconi con certezza leggeranno questo passaparola. Non posso non dire grazie a tutti loro, dal più anziano Toni, al più giovane (ancora diacono) Daniele. Veramente un Cenacolo orientato alla logica dell’amore. E … vai Paradiso ! don Nino

Partecipanti al Cenacolo di Osidda Sardegna. Insieme al gruppo vi è anche Sant’Angelo, patrono della parrocchia

Momento di condivisione nel giardino della Casa parrocchiale a Osidda

OLIMPIADI TOKIO 2020

OLIMPIADI, la mia grande passione.

Sprint di don Albino Sanna durate le Olimpiadi nel Seminario di regionale di Cuglieri nel 1960

 

MEDAGLIA D’ORO NELLA 4X100 A TOKIO

Felice per i tanti successi degli atleti italiani a Tokio 2020, in particolare nell’atletica, ancora oggi con la 4X100 e tante altre medaglie d’oro. Hanno richiamato la mia partecipazione alle “Olimpiadi” durante gli anni nel Seminario regionale di Cuglieri tra il 1956 e il 1964, avevo allora 16 – 24 anni, per otto anni infatti ho sempre partecipato alle Olimpiadi interne e ho avuto la soddisfazione di vincere tante medaglie d’oro tutti gli anni, in particolare nei 1.500, nella maratona e nella campestre. Nella foto un mio sprint durante una gara nel 1960, avevo allora 21 anni. Bei tempi che rimpiango con la fiducia che ancora oggi tanti seminaristi e tanti ragazzi e ragazze della nostra Italia e della nostra Sardegna continuino nella raccomandabile tradizione di fare tanto sport anche agonistico.

Mi commuove e mi stupisce ancora la voglia di fare sport, oggi non più agonistico, ma sempre con tanta voglia di continuare nonostante gli anni che passano, in particolare footing, bicicletta e nuoto. Fate sport, tanto sport, è il segreto per vivere e stare bene e non gravare più di tanto sulla società civile, e avere tanta fiducia nel futuro. Lo suggerisco ai giovani e anche agli anziani come me.

Viva lo sport !!!

Lo sport è sano e bello !!!

Viva le Olimpiadi !!!

Viva l’Italia !!!

don Albino Sanna

Consiglio Nazionale UAC

CONSIGLIO NAZIONALE UAC

Il Consiglio nazionale UAC su convocazione del Presidente S. E. Mons. Luigi Mansi si è riunito a Roma il 29 – 30 luglio 2021 nella Villa Aurelia.

PRESENTI

S. E. Mons. Luigi Mansi, presidente; don Ninè Valdini, vice presidente Zona Sud; don Luigino Scarponi, vice presidente Zona Centro; don Giuseppe Di Giovanni Consigliere Zona Sud; Mons.  Giuseppe Sanna, Consigliere Zona Centro; Mons. Franco Borsari, Responsabile Emilia Romagna; Mons. Gian Paolo Cassano, Responsabile Piemonte Valle d’Aosta; Don Nino Carta, Responsabile Sardegna;  Mons. Albino Sanna, segretario; diac. Mauro Tommasi, Economo.

I lavori sono iniziati subito dopo gli arrivi alle ore 15,30.

Il presidente ha rivolto il suo saluto ai presenti e si è pregato con l’Ora Media.

E’ stata esaminata la situazione dell’UAC. Il Segretario don Albino Sanna a riferire sulla situazione dell’UAC. Si è constato che le adesioni stanno arrivando regolarmente e a questo momento sono circa 700 con il versamento della quota. Si spera che entro il prossimo novembre si arrivi al numero dello scorso anno e cioè a 800 adesioni.  Si raccomanda che le quote preferibilmente siano versate entro il mese di febbraio di ogni anno in modo da usufruire subito sia della Rivista UAC Notizie, sia, per coloro che si abbonano, anche la rivista Presbyteri. Si è notato anche che vi è un incremento di nuove adesioni in particolare da parte dei preti giovani. La situazione dell’Associazione è quindi positiva anche per quanto riguarda la parte organizzativa della Sede e dell’insieme della gestione tecnologica ed economica. Il Segretario garantisce la continuità dell’attività anche quando si trova in Sardegna con l’utilizzo dei mezzi moderni con l’archivio elettronico, il trasferimento di chiamata del telefono dell’associazione, l’aggiornamento del Sito, la pubblicazione della rivista UAC Notizie, la posta elettronica e quella cartacea, oltre le comunicazione via E-mail sia col Presidente e il Consiglio, sia con i Direttori diocesani e i singoli soci, come pure è regolare la cura dei pagamenti delle fatture sulle  forniture dei servizi (luce, acqua, gas, rifiuti, etc.), del condominio, delle riviste, del commercialista, del Sito. I Consiglieri presenti sono stati sollecitati dal Presidente a riferire sul lavoro di promozione dell’UAC nelle proprie Regioni o diocesi. Si è constato che un po’ tutti hanno trovato difficoltà a causa del Covid19 in questi ultimi anni, tuttavia  è continuata sia la preghiera sia il contatto anche via telematica e da qualche mese sono stati ripresi i cenacoli in presenza. Vi è speranza che la situazione migliori. Si è detto che sarebbe bene riprendere i contatti con i Seminari maggiori e con i preti giovani. Un po’ tutti hanno affermato che sarebbe arrivato il tempo di riflettere sulla profezia dell’UAC oggi e di organizzare “settimane di fraternità” o “incontri di fratellanza” anche con gemellaggi tra diocesi e momenti di spiritualità da vivere in luoghi particolari aperti a tutto il clero.

Il caporedattore riferisce sulla situazione della Rivista che è molto positiva e viene stampata regolarmente. Quindi presenta il Sommario del N. 3/2021 e gli articoli già pronti; il numero è quindi in composizione in quanto i collaboratori hanno già inviato i loro testi e si spera che esca anch’esso regolarmente nel mese di settembre. Si suggerisce di fare un articolo per ricordare i confratelli defunti a causa del Covid19 e di altri confratelli dell’UAC che ci  hanno lasciato e che hanno dato una forte testimonianza nel loro ministero.

La proposta del Presidente di anticipare l’ASSEMBLEA ELETTIVA  al 26-28 giugno è stata accolta dal Consiglio nazionale. Per cui essa si terrà a Roma nell’Albergo “Tra noi” , via Monte del Gallo, 113 ROMA RM con gli arrivi e le sistemazioni la domenica sera del 26 giugno e i lavori assembleari lunedì 27 con le ELEZIONI la sera e le conclusioni martedì 28 giugno con il pranzo.

Il Convegno annuale si terrà regolarmente, come da tempo programmato, nei giorni 8 – 10 novembre a Torino in presenza nell’Albergo Pacific Hotel Fortino,   Strada del Fortino, 36   – 10152 Torino (TO)   tel +39 011 521.7757                  

TEMA: “Ne costituì dodici che stessero con Lui” (Mc 3, 14).

Il Convegno annuale inizierà l’8 novembre 2021 nella mattinata con gli arrivi e la sistemazione

Alle ore 16,00 vi sarà I RELAZIONE sul tema “… stessero con Lui” – aspetto teologico.

9 novembre 2021 sarò dedicato all’ascolto della II RELAZIONE “… stessero con Lui” – aspetto pastorale presbiterale.  Quindi vi sarà la visita a Valdocco  e nel pomeriggio al Sermig Arsenale della Pace dove è previsto un incontro con Ernesto Olivero, fondatore del Sermig

Il 10 novembre 2021 si celebrerà la Santa Messa in Cattedrale Presieduta da  S. E. Mons. Cesare Nosiglia, arcivescovo di Torino, a cui seguirà la visita nel Centro storico

ISCRIZIONE L’Iscrizione al Convegno dovrà avvenire tramite comunicazione o per LETTERA spedita nelle poste all’indirizzo della segreteria dell’UAC o per via E-mail a o al segretario

IL PAGAMENTO DELLA QUOTA DI PARTECIPAZIONE  di 200,00 (duecento) Euro dovrà essere versata anticipatamente entro il 20 ottobre 2021, o nel  Conto Corrente Postale N. 47453006, o tramite IBAN: IT 74 I 0200805180 000001339751 presso Unicredit Agenzia Roma 1 Pio XI , intestati a Unione Apostolica del Clero, via T. Valfrè 11 – 00165 ROMA RM con la CAUSALE “Convegno UAC 2021 TORINO”.

Il pagamento della Quota serve anche come ISCRIZIONE AL CONVEGNO.

Chi intendesse fermarsi un giorno in più a Torino dovrà prendere contatti personalmente con Mons. Gian Paolo Cassano, Via M. D’Azeglio, 1 – 15040 OCCIMIANO AL; Tel. e Fax 0142809120 – 3484501986 –   sia per la quota che per l’organizzazione.