PAPA FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CORSO DELLA PENITENZERIA

17 marzo 2017

Papa Francesco in confessionale - 2 marzo 2017

Papa Francesco in confessionale a disposizione dei preti

Come si diventa buon confessore?

Vorrei indicare, al riguardo, tre aspetti.

  1. Il “buon confessore” è, innanzitutto, un vero amico di Gesù Buon Pastore. Senza questa amicizia, sarà ben difficile maturare quella paternità, così necessaria nel ministero della Riconciliazione. Essere amici di Gesù significa innanzitutto coltivare la preghiera. Sia una preghiera personale con il Signore, chiedendo incessantemente il dono della carità pastorale; sia una preghiera specifica per l’esercizio del compito di confessori e per i fedeli, fratelli e sorelle che si avvicinano a noi alla ricerca della misericordia di Dio.
  2. Il buon confessore è, in secondo luogo, un uomo dello Spirito, un uomo del discernimento. Quanto male viene alla Chiesa dalla mancanza di discernimento! Quanto male viene alle anime da un agire che non affonda le proprie radici nell’ascolto umile dello Spirito Santo e della volontà di Dio. Il confessore non fa la propria volontà e non insegna una dottrina propria. Egli è chiamato a fare sempre e solo la volontà di Dio, in piena comunione con la Chiesa, della quale è ministro, cioè servo… Laddove il confessore si rendesse conto della presenza di veri e propri disturbi spirituali – che possono anche essere in larga parte psichici, e ciò deve essere verificato attraverso una sana collaborazione con le scienze umane –, non dovrà esitare a fare riferimento a coloro che, nella diocesi, sono incaricati di questo delicato e necessario ministero, vale a dire gli esorcisti. Ma questi devono essere scelti con molta cura e molta prudenza.
  3. Infine, il confessionale è anche un vero e proprio luogo di evangelizzazione. Non c’è, infatti, evangelizzazione più autentica che l’incontro con il Dio della misericordia, con il Dio che è Misericordia. Incontrare la misericordia significa incontrare il vero volto di Dio, così come il Signore Gesù ce lo ha rivelato. Il confessionale è allora luogo di evangelizzazione e quindi di formazione. Nel pur breve dialogo che intesse con il penitente, il confessore è chiamato a discernere che cosa sia più utile e che cosa sia addirittura necessario al cammino spirituale di quel fratello o di quella sorella; talvolta si renderà necessario ri-annunciare le più elementari verità di fede, il nucleo incandescente, il kerigma, senza il quale la stessa esperienza dell’amore di Dio e della sua misericordia rimarrebbe come muta. Il confessore, infatti, è chiamato quotidianamente e recarsi nelle “periferie del male e del peccato” – questa è una brutta periferia! – e la sua opera rappresenta un’autentica priorità pastorale. Confessare è priorità pastorale. Per favore, che non ci siano quei cartelli: “Si confessa soltanto lunedì, mercoledì dalla tal ora alla tal ora”. Si confessa ogni volta che te lo chiedono. E se tu stai lì [nel confessionale] pregando, stai con il confessionale aperto, che è il cuore di Dio aperto.

 

3 marzo 2017 – Ai parroci di Roma

A sorpresa papa Francesco prima di tenere la sua meditazione odierna ha scelto di confessare alcuni parroci e sacerdoti, rivoluzionando la “scaletta” dell’incontro di inizio Quaresima con i parroci di Roma, nel giovedì che segue il Mercoledì delle Ceneri, nella Basilica di San Giovanni in Laterano.

Papa Francesco ha fatto ricorso a un’immagine sportiva molto tecnica per far capire quanto debba essere salda la fede in Gesù: «Quando parlo di punti fermi o di fare perno, l’immagine che ho presente è quella del giocatore di basket o pallacanestro, che inchioda il piede come “perno” a terra e compie movimenti per proteggere la palla, o per trovare uno spazio per passarla, o per prendere la rincorsa e andare a canestro». «Per noi quel piede inchiodato al suolo, intorno al quale facciamo perno, è la croce di Cristo», ha spiegato il Papa ai parroci della sua diocesi.

Secondo Papa Francesco, «la fede, il progresso e la crescita nella fede, si fonda sempre sulla Croce». Perché, ha ricordato con le parole di San Paolo ai corinzi, «è piaciuto a Dio salvare i credenti con la stoltezza della predicazione» di «Cristo crocifisso: scandalo per i giudei e stoltezza per i pagani».

«Tenendo dunque, come dice la Lettera agli Ebrei, fisso lo sguardo su Gesù, colui che dà origine alla fede e la porta a compimento, noi – ha scandito il Papa – ci muoviamo e ci esercitiamo nella memoria – ricordando la moltitudine di testimoni e corriamo con speranza «nella corsa che ci sta davanti», discernendo le tentazioni contro la fede, senza stancarci né perderci d’animo».

CONSIGLIO NAZIONALE UAC AD ANDRIA

Il Consiglio nazionale UAC si è riunito ad Andria il 20 – 21 febbraio 2017.

Il Consiglio nazionale ha apprezzato la squisita ospitalità da parte del Presidente nazionale S. E. Mons. Luigi Mansi e da parte della diocesi di Andria.

In questo primo Consiglio del triennio 2016-2019 si è affrontata una prima analisi dell’andamento delle iscrizioni all’UAC dalla quale risulta che per il momento sono arrivate già circa 400 adesioni dai gruppi diocesani e dai singoli soci. Vi è anche un interesse sempre maggiore tra i preti giovani.

E’ stato indicato, quindi, il tema del prossimo triennio: TEMATICA GENERALE: “La conversione al discernimento dei ministri ordinati, Vescovi, presbiteri e diaconi, alla luce del recente Magistero”.

Sono state poi individuate anche le scansioni per i diversi anni:

  • I anno: discernimento e identità vocazionale
  • II anno: discernimento come cammino comunitario
  • III anno: discernimento dei segni dei tempi per la missione.

E’ stato quindi programmato il primo numero di Uac Notizie.

CONVEGNO NAZIONALE UAC

Il Convegno nazionale UAC si terrà il 27 – 28 – 29 novembre 2017 a Loreto o Assisi “Domus laetitiae”. Il tema: “La conversione al discernimento dei ministri ordinati, Vescovi, presbiteri e diaconi, alla luce del recente magistero – discernimento e identità vocazionale”.

Sono state poi individuate anche le persone che terranno le Relazioni e la Tavola rotonda.

Infine è stato determinato il Calendario dell’UAC per il 2017: Consiglio nazionale aperto anche ai Responsabili regionali: 30 maggio 2017 a Stazione Termini dalle ore 11,00 alle 17,00; 26 – 27 settembre 2017 a Parma dal pomeriggio del 26 a pranzo del 27; 29 novembre 2017 pomeriggio a Loreto o Assisi.

Tutti i partecipanti al Consiglio nazionale esprimo ancora una volta la loro soddisfazione e il loro ringraziamento per l’accoglienza loro riservata da parte del Presidente nazionale S. E. Mons. Luigi Mansi e delle strutture della diocesi anche per la visita ai luoghi significativi di Andria.

don Albino Sanna, segretario nazionale

I partecipanti al Consiglio nazionale UAC ad Andria

I partecipanti al Consiglio nazionale UAC ad Andria del 20-21 febbraio 2017: dall’alto a sinistra: don Luigino Scarponi, San Benedetto del Tronto, Consigliere nazionale Area Centro; don Clemente Petrillo, Responsabile regionale Campania, S.E. Mons. Luigi Mansi, Presidente nazionale; diac. Mauro Tommasi, economo; Mons. Alberto D’Urso, Consigliere nazionale Area Sud; in prima fila: don Stefano Rosati, Consigliere nazionale Area Nord; don Ninè Valdini Vice Presidente Area Sud; don Franco Borsari, Responsabile regionale Emilia Romagna; Mons. Albino Sanna, Segretario nazionale; don Gian Paolo Cassano, Responsabile regionale Piemonte; don Massimo Goni, vice Presidente Area Nord. Manca don Nino Carta, vice Presidente Area Centro, per lutto familiare.

 

 

 

Cattedrale di Andria

Cattedrale di Andria (foto Ninè Valdini)

Castello Federico II ad Andria

Castello Federico II ad Andria (foto Ninè Valdini)

Alcuni partecipanti al Consiglio nazionale di fronte al Castello Federico II ad Andria

Alcuni partecipanti al Consiglio nazionale di fronte al Castello Federico II ad Andria (foto Ninè Valdini)

CONSIGLIO NAZIONALE UAC – 20/21 FEBBRAIO 2017

Unione Apostolica del Clero

Federazione italiana

Via T. Valfrè, 11

00165  ROMA RM

                                                       Ai Membri del Consiglio Nazionale dell’UAC

                                                       Ai Delegati Regionali UAC

                                                                                  LL.SS.

              Carissimi Confratelli,

  eccomi a voi per l’attesa convocazione del Primo Consiglio Nazionale, dopo le elezioni avvenute nell’Assemblea di novembre scorso.

            Ho pensato che sia bello invitarvi ad ANDRIA, nella mia città episcopale, per vivere insieme questo primo momento dopo l’Assemblea. I giorni sono in febbraio e per la precisione il 20 e 21 (lunedi e martedi), come sempre dalla mattina del lunedì al pranzo del martedì. Non è difficile arrivare ad Andria, tenendo conto che a Barletta, che si trova sulla linea adriatica ad 8 km di distanza,  fermano tutti i treni, anche le frecce. Poi ci organizzeremo per venirvi a prendere.

             Abbiamo diversi argomenti di cui parlare:

 1.Una prima analisi dell’andamento delle iscrizioni, anche se siamo ancora all’inizio dell’anno;

2.Riflessione post-Assemblea e definizione del cammino tematico per il triennio;

3.Mettere in cantiere l’intera annata di UACNotizie;

4.Cominciare a pensare, fin da ora, con il dovuto anticipo, al Convegno per il prossimo novembre e – perché no – All’assemblea di fine triennio per il rinnovo. (Dovranno essere rinnovate la figura del Presidente e del Segretario);

5.Lavori di sistemazione della sede;

6.Varie ed eventuali

            Avremo naturalmente, in un clima di fraternità, come sempre, la possibilità di visitare qualcosa di bello che offre la città di Andria. Sarete ospitati alla casa del clero.

            Una convocazione che giunge così in anticipo spero metta tutti in condizioni di organizzarsi per tempo per non mancare. Io lo spero davvero.

            In attesa di vedervi presto, vi saluto tutti con fraterno affetto.

 Andria, 18 gennaio 2017.

                                                                                                              vostro aff.mo

                                                                                                              + Luigi Mansi

Membri del nuovo Consiglio nazionale. Manca don Massimo Goni e il Presidente Mons. Mansi

Membri del nuovo Consiglio nazionale: Mons. Albino Sanna, segretario; don Sergio Turato, Regionale del Triveneto, don Stefano Rosati, Consigliere area Nord, don Ninè Valdini, Vice Presidente area Sud, don Luigino Scarponi, Consigliere area Centro, Mons. Alberto D’Urso, Consigliere area Sud, don Nino Carta, Vice Presidente area Centro, don Clemente Petrillo, Regionale Campania. Manca don Massimo Goni, vice presidente area Nord, l’economo diac. Mauro Tommasi e il Presidente Mons. Luigi Mansi.

BARI – E’ TORNATO ALLA CASA DEL PADRE DON ORONZO VALERIO

07.01 2017 

Don Oronzo Valerio

Don Oronzo Valerio

L’Unione Apostolica del Clero, Federazione italiana, apprende la notizia del ritorno al Padre di don Oronzo Valerio dell’Arcidiocesi di Bari, esprime la partecipazione commossa ed orante al Clero di Bari, al suo Arcivescovo e ai parenti e manifesta la sua gratitudine per l’impegno generoso e costante per l’UAC di don Oronzo che ha ricoperto per tanti anni oltre il suo impegno per l’animazione del clero di Bari anche il ruolo di vice presidente nazionale dell’Associane per l‘Area Sud. Tutta l’UAC italiana, il suo Presidente S. E. Mons. Luigi Mansi, il Consiglio nazionale e tutti i soci si uniscono nella preghiera di suffragio con l’impegno di continuare l’opera di animazione del Clero e delle vocazioni di don Oronzo.

Il segretario nazionale

Don Albino Sanna

 

ASSEMBLEA GENERALE UAC

L’Assemblea Generale UAC si è tenuta il 21-23 novembre 2016 nell’Istituto Madonna del Carmelo a Sassone-Ciampino RM. Durante l’Assemblea sono stati eletti il Presidente e il Consiglio nazionale.

Gruppo dei partecipanti all'Assemblea Generale UAC in pazza San Pietro in attesa dell'Udienza di Papa Francesco

Gruppo dei partecipanti all’Assemblea Generale UAC in piazza San Pietro in attesa dell’Udienza di Papa Francesco – 23/XI/2016

Risultato delle votazioni

22 novembre 2016

ELEZIONE

  • DEL PRESIDENTE NAZIONALE
  • DEI TRE VICE PRESIDENTI
  • DEI TRE CONSIGLIERI

    S. E. Mons. Luigi Mansi, Presidente dell' UAC saluta e ringrazia Papa Francesco

    S. E. Mons. Luigi Mansi, Presidente dell’ UAC saluta e ringrazia Papa Francesco

Presenti e votanti con diritto di voto: 31

Deleghe: 15

Schede totali con deleghe: 46

SPOGLIO DELLE SCHEDE

A – Elezione Presidente nazionale

Mons. Luigi Mansi

don Stefano Rosati, Consigliere nazionale saluta il Papa Francesco

don Stefano Rosati, Consigliere dell’Area Nord saluta il Papa Francesco

don Nino Carta, vice Presidente Area Centro saluta Papa Francesco

don Nino Carta, vice Presidente Area Centro saluta Papa Francesco, insieme a Mons. Alberto D’Urso Consigliere dell’Area Sud

don Ninè Valdini vice Presidente Area Sud saluta Papa Francesco insieme a don Luigino Scarponi Consigliere dell'Area Centro

don Ninè Valdini vice Presidente Area Sud saluta Papa Francesco insieme a don Luigino Scarponi Consigliere dell’Area Centro

Mons. Albino Sanna Segretario nazionale e Capo Redattore di UAC Notizie saluta Papa Francesco

Mons. Albino Sanna Segretario nazionale e Capo Redattore di “UAC Notizie” saluta Papa Francesco

Dott.sa Pina De Simone, don Stefano Rosati moderatore e dott. Marco Tarquinio durante la relazione a due voci

Dott.sa Pina De Simone, don Stefano Rosati moderatore e dott. Marco Tarquinio durante la relazione a due voci

seggio elettorale: Mons. Franco Costa di Padova presidente, don Angelo Castrovilli di Andria segretario, don Giommaria Canu di Ozieri e don Giovanni Cossu di Nuoro scrutatori

Seggio elettorale: Mons. Franco Costa di Padova presidente, don Angelo Castrovilli di Andria segretario, don Giommaria Canu di Ozieri e don Giovanni Cossu di Nuoro scrutatori

don Antonio Albore e don Michele De Vincentis di Ariano Irpino hanno animato i momenti della Liturgia dell'Assemblea

don Antonio Albore e don Michele De Vincentis di Ariano Irpino hanno animato i momenti della Liturgia dell’Assemblea

La corale "Vox et anima" di Andria ha tenuto un magistrale concerto durante l'Assemblea

La corale “Vox et anima” di Andria ha tenuto un magistrale concerto durante l’Assemblea

Articolo su "Avvenire" sull'Assemblea UAC del 21-3 novembre 2016

Articolo su “Avvenire” sull’Assemblea UAC del 21-23 novembre 2016 pubblicato il 23/XI/2016

B- Elezione dei tre Vice presidenti nazionali

. Area Nord:

don Massimo Goni

. Area Centro:

don Nino Carta

. Area Sud:

don Ninè Valdini            

C- Elezione dei tre Consiglieri nazionali

. Area Nord:

don Stefano Rosati

. Area Centro:

don Luigino Scarponi

. Area Sud:

don Alberto D’Urso

Sassone – Ciampino 22 novembre 2016

Don Franco Costa

Presidente del seggio

Resta aperta la porta della misericordia.

chiusa-la-porta-anta-201620 novembre 2016 – Solennità di Gesù Cristo Re dell’universo

 

 

Resta aperta la porta

 

 

della misericordia.

CONVOCAZIONE UFFICIALE DELL’ASSEMBLEA ELETTIVA UAC

UNIONE APOSTOLICA DEL CLERO
Federazione italiana
Via T. Valfrè, 11 – 00165 ROMA RM
Carissimi Confratelli dell’Unione Apostolica del Clero,
Con la presente Vi giunge l’invito al Convegno Annuale e, per i Membri del Consiglio Nazionale e
degli aventi diritto di voto, la Convocazione dell’Assemblea triennale per il rinnovo delle Cariche
associative.
Come già avrete letto sul nostro Sito, il Convegno si svolgerà a SASSONE, casa “Il Carmelo”, dove
abbiamo tenuto il Convegno di due anni fa’. Da qualche anno stiamo scegliendo sedi al centro dell’Italia, per
rendere facile a tutti l’accesso.
Ci incontreremo il giorno 21 novembre per iniziare i nostri lavori nel primo pomeriggio, alle ore
16.00. Dedicheremo le prime ore al momento dei saluti e alla preghiera comune (Vespro ed Eucaristia).
La mattinata del giorno 22 la dedicheremo a riflettere sul tema: Ministri Ordinati di una Chiesa “per” il
mondo. Lo faremo con due ospiti d’eccezione: il Dott. Marco Tarquinio, Direttore di Avvenire e la
Professoressa Pina De Simone, docente di filosofia alla Università di Roma e partecipante, insieme col
marito Franco Miano (già Presidente Nazionale di A.C.), al recente Sinodo sulla famiglia. Essi ci
proporranno sul tema una riflessione a due voci. Al momento della proposta seguirà la discussione in Aula.
Seguirà quindi la relazione del Presidente sul triennio trascorso e la relativa discussione assembleare
sul triennio che ci sta davanti.
Il pomeriggio lo dedicheremo alle elezioni del nuovo Consiglio e del Presidente. Prima vi sarà
l’incontro per area e quindi la costituzione del seggio per le operazioni di voto e infine lo spoglio e la
proclamazione degli eletti.
La mattina seguente è prevista la partecipazione all’Udienza di Papa Francesco in piazza San Pietro.
Ricordo che hanno diritto-dovere di voto tutti i Direttori diocesani i cui Circoli abbiano almeno 5
adesioni, i Delegati regionali, i componenti la Presidenza e il Consiglio nazionale, i membri del Centro Studi.
Quanti sono impossibilitati a venire e a partecipare alla votazione provvedano a fare una delega scritta da
consegnare a qualche Confratello Direttore di un circolo vicino. Questo farà sì che tutti i Direttori esercitino
il loro diritto-dovere di voto.
Ricordiamo che a norma del Direttorio tutti i soci dell’UAC possono presentare
nel corso dell’Assemblea la propria candidatura alle cariche associative.
Vi chiedo pertanto di affrettarvi a far giungere le vostre iscrizioni utilizzando una delle modalità
abituali: o via mail *protected email* oppure tramite lettera scritta indirizzata a: Unione Apostolica del Clero, via
T. Valfrè, 11 – 00165 ROMA RM oppure anche una semplice telefonata al Segretario don Albino (numero
tel.: 328 5660959).
Inutile dirVi che Vi aspettiamo in tanti per vivere con gioia fraterna questo importante momento
della vita associativa.
Nell’attesa Vi saluto cordialmente insieme a don Albino e ai membri del Consiglio.
Vostro aff.mo
+ d. Luigi Mansi
Vescovo di Andria
Presidente Nazionale UAC

 

NOTE TECNICHE
Questa lettera del Presidente S. E. Mons. Luigi Mansi è da considerarsi come invito ufficiale per coloro che
hanno diritto-dovere di voto nella prossima Assemblea elettiva del 21 – 23 novembre 2016 a Sassone.
– Gli aventi diritto secondo le indicazioni del Direttorio nell’art. 9, il cui elenco verrà esposto nella
Sede dell’Assemblea fin dal primo giorno dei lavori, sono:
a. I membri del Consiglio nazionale
b. I Direttori delle Unioni diocesane o i loro delegati, qualora vi fossero almeno 5 adesioni
c. I Delegati regionali o i loro delegati
d. I membri del Centro Studi.
– Deleghe: ogni elettore potrà ricevere non più di due deleghe, scritte con l’indicazione del delegante e
del delegato, in casi di impedimento fisico di partecipare all’Assemblea
– Le norme per le elezioni sono regolate dagli art. 9 e 16 del Direttorio della Federazione italiana.
– Come raggiungere l’Istituto Madonna del Carmine “Il Carmelo” che si trova in Via Doganale 1,
località Sassone, a circa 5 km. dal Grande Raccordo Anulare (G.R.A.) di Roma.
In automobile: Dal Grande Raccordo Anulare – uscita 23 Appia, direzione Albano. Uscire a
destra sulla via dei Laghi (direzione Marino). Al km.2 circa della stessa via dei Laghi, girare a
sinistra scendendo la rampa del sottopasso e seguire le indicazioni per via Doganale.
oppure:
Dal Grande Raccordo Anulare – uscita 21-22 Anagnina Tuscolana – prendere l’Anagnina in
direzione Grottaferrata. Proseguire per circa 5 km (decimo semaforo) fino all’incrocio con via
della Mola. Continuare a destra sulla via della Mola Cavona – S.P. 77b -percorrendola fino a
raggiungere via Doganale, seguendo le indicazioni via dei Laghi. L’arrivo è dopo circa un
chilometro.
Trasporto pubblico:
Metropolitana: Dalla Stazione Termini prendere la linea A – fino al capolinea Anagnina. Da
Anagnina prendere il bus per Marino (Via dei Laghi –Sassone)
Treno: Dalla Stazione Termini prendere la linea Roma – Albano Laziale (fermata Casello
Sassone). Vi è un treno circa ogni mezzora.

CONSIGLIO NAZIONALE UAC A CALTAGIRONE

I partecipanti al Consiglio nazionale nel Santuario Mariano diocesano Maria SS. del Ponte a Caltagirone

I partecipanti al Consiglio nazionale nel Santuario Mariano diocesano Maria SS. del Ponte a Caltagirone

Il Consiglio nazionale si è riunito nei locali del Seminario estivo di Caltagirone – Sicilia il 26-27 settembre 2016 ed ha affrontato innanzitutto la realtà della situazione degli iscritti al termine della campagna iscrizioni, analizzandola per Circoli, per Regioni, per Area rilevando che la situazione attuale delle adesioni, dopo diversi anni di costante calo, quest’anno sono rimaste invariate, anzi vi sarà certamente un incremento anche in vista della prossima Assemblea elettiva. Questa situazione è favorita dalle adesioni di giovani preti e dalla esigenza di diversi preti di una vita più fraterna e di collaborazione tra il clero.

Lo spirito dell’UAC è certamente entrato nella vita dei presbiteri diocesani: ritiri spirituali, incontri di pastorale, incontri foraniali. I Consiglieri quindi hanno riferito sulla situazione delle proprie diocesi e regioni rilevando che vi è un cauto ottimismo in quanto vi è una stabilità nelle adesioni e nell’esperienza dei Cenacoli e degli incontri di clero, e in alcune regioni vi è stato anche un buon aumento. L’UAC è un’esperienza che parte dalla base e quindi è bene coinvolgere i singoli preti ed interessarli all’associazione, sia con la Rivista sia soprattutto con il contatto personale e la testimonianza del gruppo UAC. In alcune Regioni si vivono anche l’esperienza dei cenacoli e incontri di riflessione su tematiche che interessano il clero e la loro vita.

Si articola quindi meglio il programma della prossima Assemblea  predisponendo il depliant con l’orario delle giornate.

Il Consiglio ha quindi individuato alcune candidature per la prossima Assemblea elettiva e ha anche precisato che, a norma del Direttorio, tutti i soci dell’UAC possono presentare nel corso dell’Assemblea la propria candidatura alle cariche associative.

Infine è stata fatta un’interessante riflessione a più voci sulla tematica per il prossimo triennio individuando la tematica del ministero alla luce della Evangelii gaudium, privilegiando l’aspetto pastorale. La tematica sarà meglio precisata coinvolgendo anche il Centro Studi.

Si ringrazia don Ninè Valdini e il Vescovo del luogo S.E. Mons. Calogero Peri, nonché tutta l’equipe dell’Hotel Luigi Sturzo di Caltagirone, per l’ospitalità.

 

                                                                                                                                       Don Albino Sanna

                                                                                                                                          segretario