UMBRIA – CENACOLO REGIONALE

MERCOLEDI’ 14 MARZO 2018

Invito rivolto a tutti i presbiteri e i diaconi delle diocesi umbre.

Il Delegato regionale dell’Unione apostolica del clero d. Sergio Andreoli
e il Rettore del Seminario regionale umbro d. Carlo Franzoni

don Carlo Franzoni

 

invitano cordialmente a partecipare a un Cenacolo regionale per riflettere insieme sul tema:

IL PRESBITERIO DIOCESANO:
un peculiare aspetto del ministero sacerdotale che, pur adeguatamente sviluppato in dottrina,
nel concreto della vita pastorale necessita oggi di una forte rivitalizzazione.

**
Anche per facilitare la partecipazione dei seminaristi del 6° anno, il cenacolo si terrà al Seminario regionale di Assisi – mercoledì 14 marzo, dalle 9:30 alle 12:30.

Avvertenza
Il dialogo sarà brevemente introdotto (max: 5’) da d. Vittorio Peri. Perché il confronto risulti fruttuoso, sarà utile ricordare qualche “perla” teologico-pastorale del magistero in materia:
a) “I presbiteri costituiscono con il loro vescovo un unico presbiterio, sebbene destinati a uffici diversi” (Lumen gentium, 28);
b) “dell’unico presbiterio fanno parte, a titolo diverso, anche i presbiteri religiosi residenti e operanti in una Chiesa particolare” (decreto conciliare Christus Dominus, 74);
c) “I presbiteri (…) sono tutti tra loro uniti da intima fraternità sacramentale” (Presbyterorum ordinis, 8);
d) il ministero ordinato ha una radicale “forma comunitaria” e che può essere compiuto solo come “un’opera collettiva” (Giovanni Palo II, Pastores dabo vobis, 17).
e) – “La fisionomia del presbiterio è quella di una vera famiglia, di una fraternità i cui legami (…) sono dalla grazia dell’Ordine” (Pastores dabo vobis, 74).

SARDEGNA – CENACOLO REGIONALE

SARDEGNA
Cenacolo Regionale UAC Sardegna 22.01.2018

Partecipanti al Cenacolo Regionale della Sardegna

 

Riuniti in comunione di pensieri e di cuore nella gioia dell’agape fraterna.

Lunedì 22 gennaio, presso il Seminario Arcivescovile di Oristano, si è tenuto il primo cenacolo regionale sardo dell’UAC del 2018.
Erano rappresentate le diocesi di Cagliari, Nuoro, Oristano, Ozieri, Sassari e Tempio-Ampurias.
Il cenacolo si è aperto con l’adorazione eucaristica e la preghiera dell’Ora Terza, presieduta da Mons. Giuseppe Sanna, durante la quale ci si è confrontati sul tema dell’identità e della missione del presbitero diocesano, a partire dalla traccia proposta su UAC NOTIZIE 3/2017.
Dopo la meditazione, la preghiera e la condivisione si è proceduto a verificare lo stato delle adesioni all’UAC nelle varie diocesi, sollecitando i direttori diocesani a promuovere l’associazione tra i giovani preti. Si è poi passati alla programmazione delle attività regionali del 2018.
Lunedì 18 giugno ci si ritroverà per un cenacolo regionale a Buddusò (Diocesi di Ozieri), che come da tradizione si aprirà con la concelebrazione eucaristica in suffragio dei soci UAC defunti.
Giovedì 25 ottobre si terrà a Macomer (Diocesi di Alghero-Bosa), presso il Centro Pastorale San G.M. Conforti, l’Incontro Regionale dei Presbiteri e dei Diaconi sul tema “Il discernimento come cammino comunitario”.
L’incontro si è concluso con il pranzo, insaporito dalla gioia della fraternità!
don Paolo Baroli – segretario regionale

PUGLIA – INCONTRO REGIONALE DIRETTORI DIOCESANI

Ai Direttori Diocesani
Unione Apostolica Clero
Regione Puglia

-e p.c. S.E. Mons. Luigi Mansi

-e p.c. Segreteria Nazionale UAC

Oggetto: Incontro Regionale Direttori Diocesani UAC
Regione Puglia 28 febbraio

Carissimi,
ci ritroveremo mercoledì 28 c.m. per le ore 10 presso l’Oasi Santa Maria in Cassano delle Murge (Via Riconciliazione dei Cristiani Km 2 – Tel. 080 764045/764446 – cell. D’Urso 335209131).
Sarà con noi il Presidente Nazionale S.E. Mons. Luigi Mansi.
Pregheremo insieme con l’Ora Media e con una breve Adorazione Eucaristica.
Introdurrà l’incontro S.E. Mons. Luigi Mansi e a seguito avremo questo o.d.g.:
– situazione dei nostri Circoli Diocesani UAC (relaziona ogni Direttore);
– dialogo sulle diverse esperienze;
– indicazioni per un miglior lavoro “in rete”;
– momenti di preghiera conclusiva.
L’Agape fraterna è prevista per le ore 13… (dopo il fragolino e il caffè l’arrivederci fraterno).
Chiedo a tutti – anche se ciò comporta un piccolo sacrificio – di non mancare.
Con amicizia e una preghiera.
Don Alberto D’Urso
Responsabile Regionale UAC

PADOVA – MONS. CLAUDIO BELLINATI E’ TORNATO ALLA CASA DEL PADRE

Partecipiamo, con la diocesi di Padova, nella preghiera di suffragio per

Mons. Claudio Bellinati

Era iscritto all’UAC del Circolo di Padova

La sera di giovedì 18 febbraio Mons. Claudio Bellinati ha concluso la sua vita, come una lampada si spegne consumato tutto l’olio, all’età di quasi 96 anni. E’ mancato nella casa in cui viveva con la sorella, accanto al Torresino.
Nato a Pontelongo il 19 febbraio 1922, ordinato prete dal vescovo Carlo Agostini il 1 luglio 1945, visse per oltre settanta anni da prete, anche se non impegnato in primis nel servizio liturgico. E’ stato canonico della Cattedrale per oltre 30 anni, presiedendo per molto tempo la messa del Capitolo, celebrando in Cattedrale e nella Chiesa di sant’Andrea la Messa domenicale con omelie accurate, ma il suo ministero principale è stato su altri fronti.
E’ stato insegnante. Ha iniziato nel Seminario minore di Thiene, mentre acquisiva le lauree in Lettere e in Filosofia. Nel 1954 il vescovo Bortignon lo inviò a Borca di Cadore come docente qualificato presso il Collegio Dolomiti Pio X, appena assunto dalla diocesi. Nel 1960 ritorna a Padova ed inizia ad insegnare al Collegio Barbarigo, nel 1961 assume l’incarico di insegnante di religione presso il Liceo classico Tito Livio, un compito che svolgerà per 25 anni. E’ stato punto di riferimento per colleghi, studenti e famiglie, impegnato in prima persona, nella vita dell’istituto, anche nella attuazione delle prime forme di partecipazione attiva degli studenti attraverso assemblee e rappresentanti. Preparava lezioni culturalmente impegnative, stendendo dattiloscritti e dispense per gli studenti, invitandoli a ricerche su luoghi di culto e opere d’arte a carattere religioso.
Dal 1961 al 2004, per oltre quarant’anni, svolse il servizio di archivista dell’archivio della curia vescovile e di direttore della biblioteca capitolare. E’ stato lui che, con la munificenza del vescovo Bortignon, ha attrezzato con nuove scaffalature ed ha organizzato Archivio e Biblioteca, così da renderli quotidianamente e regolarmente accessibili agli studiosi e agli studenti per la redazione delle loro tesi di laurea.
E’ stato un cultore dell’Arte Sacra. Entra in questa area nel 1973 curando l’erezione del museo diocesano d’arte sacra e ne divenendone il primo direttore. Nel 1982 viene nominato presidente della commissione diocesana Arte Sacra e conserva questo compito fino al 1995. In questa veste è chiamato ad interessarsi delle nuove chiese e del restauro e la tutela di opere d’arte di tutta la diocesi, curando quando occorreva anche l’indagine storica. Come esperto dell’arte della città diede il suo apporto all’avvio e alla svolgimento dell’iniziativa culturale estiva di Padova, i Notturni d’arte. Per la sua acquisita competenza nel 1995 è nominato prima consultore e poi membro della Pontificia Commissione per i beni culturali della Chiesa. Nel 2005 viene chiamato come Consulente dell’Unione Cattolica Artisti Italiani (UCAI).
Ma forse la qualità più qualificante della figura di mons. Claudio Bellinati è l’infaticabile impegno di studioso, in cui ha profuso tutta la sua dedizione, mosso da un interesse eclettico, che lo portava ad accostarsi ai più svariati temi della cultura storica locale di cui sono prova i numerosissimi articoli (collaborava sistematicamente con L’Osservatore Romano e con La Difesa del Popolo), saggi, conferenze, prodotti in oltre cinquant’anni di appassionata ricerca, e ancor più l’impressionante mole di appunti, annotazioni , schemi di lavoro conservata nell’Archivio diocesano. Possiamo dire che non c’è settore dell’Archivio diocesano che non conservi traccia del suo passaggio.
I suoi campi d’indagine prediletti riguardano, tra tutti, il proto cristianesimo a Padova, Dante, Giotto e la Cappella degli Scrovegni ( con pubblicazioni tradotte in altre lingue) , Petrarca e la sua casa canonicale, San Gregorio Barbarigo, l’arte religiosa, in particolare medievale. Era membro dell’Istituto di Storia Ecclesiatica Padovana e socio dell’Accademia Galileiana
La sua competenza nella storia padovana e la sua disponibilità a collaborare lo portò a intrattenere relazioni di reciproca stima con i rappresentanti del mondo accademico e culturale cittadino. Ebbe anche riconoscimenti civili, come la Medaglia d’oro ai benemeriti della scuola, della Cultura, dell’arte, e l’iscrizione nell’albo dei Padovani Eccellenti. Quanto fosse noto in città lo mostra lo spazio dato dai quotidiani locali alla sua figura nell’annuncio della morte.
La diocesi di Padova e in particolare il presbiterio diocesano ringraziano il Signore per questa singolare figura di prete, che ha lavorato fino agli ultimi giorni sulla frontiera della cultura. Ora i suoi occhi si sono aperti alla Verità e Bellezza senza fine.

UAC Notizie – Numero 4/2017

In questo numero:

 

Pag. 1 – EDITORIALE
L’ “abito” del discernimento
Don Stefano Rosati

Pag. 3 – LETTERA DEL PRESIDENTE
✠ S. E. Mons. Luigi Mansi

Pag. 5 – SPECIALE CONVEGNO NAZIONALE 2017

Pag. 27 – LO STUDIO (1)
Discernimento dei “segni dei tempi”
per la missione
Don Luca Bonari

Pag. 39 – LO STUDIO (2)
Formazione culturale 
del ministro ordinato
Mons. Carlo Bresciani

Pag. 42 – MAGISTERO E MINISTERO ORDINATO
Don Gian Paolo Cassano

Pag. 45 – DISCORSO DI PAPA FRANCESCO ALL’UAC

Pag. 48 – RIFLESSIONE SUL DISCORSO DEL PAPA ALL’UAC
Don Albino Sanna

Pag. 50 – ESPERIENZE DI ANIMAZIONE
Don Massimo Goni

Pag. 52 – DIACONATO PERMANENTE
Massimo Roberto

Pag. 55 – VITA ASSOCIATIVA

Pag. 64 – GUTERBERG, IL LIBRO AMICO
Don Gian Paolo Cassano

Pag. 65 – DALLA SEGRETERIA

 

E’ possibile leggere questo numero della rivista cliccando sull’immagine di copertina oppure scaricarlo sul proprio computer cliccando sul pulsante “Download” qui in basso.

 

Scarica il numero 4/2017 della nostra rivista in PDF.

CENACOLO BARI – BITONTO

Cenacolo Bari – Bitonto. L’UAC di Bari ha vissuto il cenacolo di questo mese il 19 gennaio 2018 nella parrocchia dei Martiri di Abitene – Bitonto. Complimenti per questa bella esperienza e per il numero dei 30 partecipanti.

CONSIGLIO NAZIONALE UAC

8 gennaio 2018

CONSIGLIO NAZIONALE UAC

è confermata la riunione del Consiglio nazionale UAC aperta anche ai Regionali per LUNEDI’ 8 GENNAIO 2018 presso l’ ISTITUTO RELIGIOSE ORSOLINE U.R. – VIA NOMENTANA, 34 – 00161 ROMA 
Inizio dei lavori alle 11.30. 
Pranzo alle 13.00 
Ripresa fino alle 16.30.
Conclusione lavori massimo entro le 17.00.
Partenze.

L’O.d.G: 
1. Valutazione del Convegno (Contenuti, Metodi, Tavola Rotonda). Valutazioni sul Lavoro di gruppo sul Questionario UAC 2017; 
2. Valutazioni sul conteggio definitivo delle adesioni per l’anno 2017; 
3. Prime ipotesi del tema del 2018; 
4. Impostazione Notiziario UAC n. 4/2017 e n. 1/2018. Sommario;
5. Calendario Convegno e Consigli 2018;
6. Lavori Sede nazionale
7. Varie ed eventuali.

AUGURI DI UN SANTO NATALE E UN FELICE ANNO NUOVO 2018

Presepe piazza S. Pietro Natale 2017

La redazione del Sito insieme a tutta la Direzione nazionale dell’UAC invia 

AUGURI

di un Santo Natale e un Felice Anno Nuovo 2018

a tutti i visitatori, agli Unionisti e agli amici.