UAC Notizie – Numero 1/2013

UAC Notizie - N° 1-2013

In questo numero:

 

2 – MENS CONCORDET VOCI

3 – LA RINUNCIA

4 – ESPERIENZE DI SPIRITUALITÀ 

5-6 – SD: PROBLEMA DI ECCLESIOLOGIA

7 – SD: E “GIORNO DEL SIGNORE”

9 – IL MATRIMONIO È UNO SOLO

10 – AGENDA ASSOCIATIVA 2013

11-14 – SUSSIDIO LITURGICO

16-19 – VITA ASSOCIATIVA

20-21 – DIALOGARE PER CRESCERE

 

E’ possibile leggere questo numero della rivista cliccando sull’immagine di copertina oppure scaricarlo sul proprio computer cliccando sul pulsante “Download” qui in basso.

 

Scarica il 1° numero della nostra rivista in PDF.

La Spiritualità Diocesana

La Spiritualità Diocesana

La copertina del libro

La Spiritualità Diocesana

 

La dimensione diocesana della spiritualità è stata messa in forte rilievo dai Vescovi italiani nel recente documento La formazione dei presbiteri nella Chiesa italiana. Orientamenti e norme per i seminari: la comunità educativa del seminario ha, tra gli altri, il compito di “educare alla dimensione ecclesiale della fede, alla comunione e al senso di appartenenza alla Chiesa, all’oggettività dei percorsi sacramentali e alla spiritualità diocesana” (n. 1); “la scelta precisa della spiritualità diocesana si caratterizza per l’assunzione dell’amore e del servizio verso la propria Chiesa particolare come interesse principale e criterio fondamentale della propria vita spirituale e dell’impegno ecclesiale” (n. 85).

 

Leggi altro ›

Assemblea Internazionale UAC

Nei giorni 22-25 ottobre 2012 si è svolta nell’Istituto Salesianum di Roma l’Assem­blea da cui è scaturita la nuova direzione internazionale, che risulta composta dai seguenti presbiteri: Giuseppe Magrin (Padova), presidente interna­zionale; Donald De Souza (India), primo consigliere e consigliere per l’Asia; Jean Claude Kombede (Togo), con­sigliere per l’Africa; Rafael In­dave (Venezuela), consigliere per l’America; Jeannot Gillen, consigliere per l’Europa; An­tony Thuruthiyil (India), te­soriere; Juan de dios Rojas (Perù), segretario pro tempore.

 

Leggi altro ›

OMELIA di Vittorio Peri

La L’omelia è senza dubbio il “tallone d’Achille” delle nostre liturgie. Eppure è in essa che si compendia, ormai, la maggior parte dell’esercizio del ministero della parola, e il card. Martini riconosce che l’omelia “è forse il modo più difficile, con cui la Chiesa opera con la Scrittura”. E poiché per moltissimi cristiani è l’unico punto d’incontro con la Scrittura, la sua importanza nella vita della Chiesa è indiscutibile. Quello che intende fare don Vittorio Peri autore di questo opuscolo: cosa, chi, come, dove, quando, perché fare omelia. Egli vuole aiutare i predicatori a far sì che l’omelia diventi davvero ciò che è: un efficace canale di evangelizzazione e di comunicazione ecclesiale.

La L’omelia è senza dubbio il “tallone d’Achille” delle nostre liturgie. Eppure è in essa che si compendia, ormai, la maggior parte dell’esercizio del ministero della parola, e il card. Martini riconosce che l’omelia “è forse il modo più difficile, con cui la Chiesa opera con la Scrittura”. E poiché per moltissimi cristiani è l’unico punto d’incontro con la Scrittura, la sua importanza nella vita della Chiesa è indiscutibile.
Quello che intende fare don Vittorio Peri autore di questo opuscolo: cosa, chi, come, dove, quando, perché fare omelia. Egli vuole aiutare i predicatori a far sì che l’omelia diventi davvero ciò che è: un efficace canale di evangelizzazione e di comunicazione ecclesiale.