Consiglio nazionale UAC – 30 settembre / 1 ottobre 2013

Il 30 settembre e il 1 ottobre 2013 si è riunito il Consiglio nazionale allargato ai delegati regionali, presso le Suore Ancelle del S. Cuore di via xx settembre a Roma.
Questo Consiglio ha una particolare rilevanza in quanto ha preparato e predisposto i lavori della prossima Assemblea Generale del 25 – 28 novembre 2013 che si terrà a S. Maria degli Angeli – Assisi.

Presentiamo il Verbale della riunione accompagnato dalla foto dei partecipanti.

 

Consiglio nazionale del 30 settembre – 1 ottobre 2013.  In seconda fila da sinistra: d. Alberto D’Urso, vice presidente vicario e vice presidente Sud Italia; Franco Borsari, consigliere Nord Italia; d. Vittorio Peri, Presidente nazionale; d. Alberto Alberti, vice presidente Centro Italia; d. Sergio Andreoli, delegato regione Umbria; d. Luigino Scarponi, delegato regione Marche; diac. Mauro Tommasi, economo; d. Clemente Petrillo, delegato regione Campania.  In prima fila da sinistra: d. Stefano Rosati, vice presidente Nord Italia; Niné Valdini, delegato regione Sicilia; d. Nino Carta, delegato regione Sardegna; d. Albino Sanna, segretario nazionale.

Consiglio nazionale del 30 settembre – 1 ottobre 2013.
In seconda fila da sinistra: d. Alberto D’Urso, vice presidente vicario e vice presidente Sud Italia; Franco Borsari, consigliere Nord Italia; d. Vittorio Peri, Presidente nazionale; d. Alberto Alberti, vice presidente Centro Italia; d. Sergio Andreoli, delegato regione Umbria; d. Luigino Scarponi, delegato regione Marche; diac. Mauro Tommasi, economo; d. Clemente Petrillo, delegato regione Campania.
In prima fila da sinistra: d. Stefano Rosati, vice presidente Nord Italia; Niné Valdini, delegato regione Sicilia; d. Nino Carta, delegato regione Sardegna; d. Albino Sanna, segretario nazionale.

CONSIGLIO NAZIONALE UAC

30 settembre – 1 ottobre 2013

 

VERBALE

 

Il Consiglio nazionale  UAC (allargato ai delegati regionali) si riunisce presso le Suore Ancelle del S. Cuore di via XX settembre, 65 – Roma il 30 settembre e il 1 ottobre 2013. Presenti : Peri, D’Urso, Alberti, Rosati, Borsari, Carta, Tommasi, Sanna, Valdini, Petrillo, Scarponi, Andreoli.

La riunione inizia alle ore  16,45 con la recita dei Vespri. Dopo un breve saluto del Presidente si presentano in particolare i nuovi  delegati regionali che partecipano a questa riunione (Andreoli, Scarponi, Petrillo). Si affronta quindi l’O.d.G.

 

1. Verbale della riunione precedente: approvazione.

Il Segretario legge il Verbale che viene approvato all’unanimità.

 

2. Rendiconto economico 2012: approvazione.

L’Economo legge il rendiconto. Considerazione particolare: vi è un avanzo di 22.118,47. Questa situazione economica positiva viene accolta con soddisfazione e si rileva in particolare che il contributo della Cei di 25.000,00 Euro è fondamentale per avere i conti in ordine. Il Bilancio viene approvato all’unanimità.

 

3. Tema generale prossimo triennio, riflessioni prossimo triennio: approvazione.

Viene presentato il progetto delle riflessioni per il triennio associativo 2013 – 2016 (vedi allegato). Il tema generale –  “Ministri ordinati della Chiesa: nel mondo e per il mondo” – verrà articolato nei prossimi tre anni. Osservazioni: 

a) Si discute sull’opportunità di riprendere una pubblicazione o di offrire degli stimoli da parte della Presidenza nazionale per i Cenacoli diocesani. Il Delegato della Puglia Mons. Alberto D’Urso presenta e dona alla Segreteria nazionale quattro volumi ben rilegati che contengono la raccolta dei Cenacoli proposti nella diocesi di Bari dal 1996 al 2013. Si ritiene che sia opportuno un maggiore impegno dei Direttori diocesani, non tutti infatti sono creativi, per vivere e rafforzare i Cenacoli mensili. Certamente avrebbero bisogno di uno stimolo. Ad ogni modo oggi sembra più opportuno che i Cenacoli siano preparati volta per volta nelle Unioni diocesane.  E’ importante che i presbiteri non vivano chiusi in se stessi, ma siano aperti alle periferie non solo di povertà.

b) Riguardo alla bozza si suggerisce che non si scriva “spunti di meditazione”, ma  “Orientamenti” per il triennio. Il nostro compito è quello di dare una sintesi per il prossimo triennio in modo da aiutare il nuovo Consiglio a procedere nella continuità, tenendo conto di queste riflessioni.

Si rileva anche che la tematica scelta è molto importante, in quanto richiama la Gaudium et spes. Si potrebbero dare nella stessa bozza dei riferimenti conciliari. Si rileva ancora che sia opportuno mettere in evidenza il fatto comunitario dei preti, vescovi e diaconi che operano come comunità di presbiterio. A questo proposito si nota che noi abbiamo molte occasioni di formazione permanente che andrebbe sfruttate meglio. La bozza, sentite le osservazioni, viene approvata all’unanimità.

 

4. Assemblea generale: a) modalità di svolgimento; b) mozioni; c) esame bozza della relazione; d) rinnovo organi di governo. Programma

1. Il Presidente legge il programma della prossima Assemblea generale . Si suggeriscono le seguenti variazioni: 1. una celebrazione il  27 novembre pomeriggio nella Basilica di San Francesco.  2. La mattina del 28 celebrazione eucaristica in  Santa Maria Maggiore antica Cattedrale di Assisi. Norme di votazione Si prendono quindi  in esame le Norme di votazioni dell’Assemblea.  Sul seggio elettorale. 1. Presidente del seggio sarà il più anziano presente nell’Assemblea. Gli scrutatori saranno due diaconi.

2. Si esaminano le due mozioni: la n. 1 prevede che nella presidenza entrino anche il segretario nazionale e l’economo. Si approva questa mozione. La mozione n. 2 prevede la cooptazione per il consiglio, se il nuovo presidente lo vuole, del predecessore, senza diritto di voto, e altri due membri, senza diritto di voto,  per particolari mansioni (es. dei preti giovani e dei seminari, dei diaconi, ecc..).

3. Il Segretario invierà una lettera di convocazione ai Direttori diocesani che hanno diritto al voto, insieme anche ad una scheda per la eventuale delega.

4. Il Presidente legge la bozza della Relazione all’Assemblea. La relazione viene approvata all’unanimità.

 

5. Centro studi: a) nuova composizione; b) nuovo assetto istituzionale. Si propone di presentare all’Assemblea una terza mozione che riguarda il Centro Studi che prevede la riformulazione degli art. 3 e 4. Questa mozione, dopo qualche correzione e aggiunta, viene approvata.

 

6. Unioni diocesane: a) verifica dettagliata; b)  istituzione del vice-direttore diocesano. Si prende in esame la situazione attuale delle adesioni in vista degli aventi diritto al voto e si rileva che alla data di oggi gli aventi diritto sono 75 Direttori diocesani. Il Segretario ha inviato una lettera di sollecito a tutti i Direttori diocesani ai primi di maggio e un’altra lettera di sollecito, spedita a metà settembre, ai Direttori nei cui Circoli vi sono meno di cinque aderenti in modo che entro il 15 ottobre possano provvedere ad aumentare le adesioni ed avere la possibilità di avere diritto al voto nell’Assemblea.

 

7. Delegati regionali: breve relazione di ciascuno circa la propria attività promozionale.

 

Il prossimo Consiglio nazionale allargato ai delegati regionali, è convocato per le ore 15.00 del 25 novembre. La Presidenza è convocata per il 30 ottobre ore 10,30 presso la solita sede alla Stazione Termini fino alle 13.00.  Terminiamo i lavori il 1 ottobre 2013 alle ore 12,30.

 

Roma 1 ottobre 2013

 

Il Presidente nazionale                                                                               Il Segretario nazionale

d. Vittorio Peri                                                                                              don Albino Sanna